FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brexit, ecco cosa devono fare i cittadini Ue residenti in Gb per non diventare clandestini

Partita la nuova procedura per ottenere il visto permanente: coinvolti 3 milioni e mezzo di stranieri di cui 700mila italiani

Brexit, ecco cosa devono fare i cittadini Ue residenti in Gb per non diventare clandestini

In attesa che governo e Parlamento inglese trovino la quadra sull'accordo per la Brexit da siglare con Bruxelles, entra in vigore dal 21 gennaio l'"EU Settlement Scheme", la procedura per chiedere la residenza permanente nel Regno Unito per i cittadini dell'Ue: 3 milioni e mezzo di cittadini di cui 700mila italiani. La richiesta si può presentare entro il 30 giugno 2021. I richiedenti dovranno provare la propria identità utilizzando il proprio passaporto e un'app sul cellulare - parte di un processo integrato on-line, ma che al momento è disponibile solo per il sistema operativo Android. L'operazione non sarà gratuita, però: serviranno 65 sterline per gli adulti e 32,5 sterline per i minori di sedici anni (circa 84 e 42 euro rispettivamente).

Chi è già residente da almeno cinque anni, potrà ottenere il "settled status"; chi da meno di 5 anni otterrà il "pre-settled status", potrà cioè restare nel Regno Unito fino a quando avrà maturato i cinque anni necessari a ottenere il "settled status".

Come ottere la residenza nel Regno Unito - La procedura sembra essere più snella rispetto a quella chiesta prima per ottenere la Permanent Residence Card (PR), la carta di residenza, che era un documento fisico ottenibile compilando un modulo da ben 80 pagine.

Per ottenere il "settled status" che sarà soltanto una condizione digitale, bisognerà avere tre requisiti: possedere un documento di identità, presentare la prova che si è residenti in Gran Bretagna e dichiarare eventuali condanne giudiziarie. Come prova che si vive davvero nel paese si potranno produrre contratti d'affitto o di lavoro, tasse municipali, bollette del telefono, iscrizioni a scuola, visite mediche e qualsiasi altro documento analogo. Per provare la propria identità, si potrà fornire una fotografia tramite l'app.

La richiesta andrà fatta online e vi si potrà accedere attraverso smartphone, tablet o computer. Per aiutare anziani e stranieri con poca dimestichezza con l'inglese o l'app sarà disponibile una assistenza tecnologica e linguistica.

Il pericolo clandestinità - Decine di migliaia di cittadini dell'Ue residenti in Gran Bretagna potrebbero divenire dopo la Brexit clandestini senza documenti. Come riporta il quotidiano britannico "The Independent", il timore espresso da alcune organizzazioni anti-Brexit è che il sistema messo a punto dallo Home Office di richiedere a tutti i residenti cittadini dell'Ue di fare domanda prima dell'uscita della Gran Bretagna dall'Ue potrebbe lasciare un gran numero di persone vulnerabili nella condizione di non poter documentare il proprio diritto a rimanere nel Paese. Se anche solo il 5% dei residenti (su circa 3,5 milioni di persone) dovesse avere problemi nel presentare la domanda, vorrebbe dire che 175mila persone potrebbero trovarsi privi di un status legale nel Paese.

In un test condotto alla fine dell'anno scorso erano state presentate 29.987 domande, di cui 27.211 hanno già ricevuto risposta positiva e senza che si sia registrato alcun respingimento.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali