FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Bresciano rapito in Siria nel video appello, lʼex socio: "Eʼ andato in Turchia per una fidejussione"

"Avevo bisogno di soldi. Mi disse che aveva contatti con finanziarie in Turchia e si offrì di andare", afferma il 50enne. "Gli feci un bonifico di 5.500 euro sulla sua carta. Poi partì"

Bresciano rapito in Siria nel video appello, l'ex socio: "E' andato in Turchia per una fidejussione"

"In Turchia, Sergio, ci è andato per me". Lo ha rivelato Marco Scalvinoni, 50 anni, amico di Sergio Zanotti, il bresciano 56enne che compare in un video pubblicato nei giorni scorsi nel quale chiede aiuto al governo italiano, dicendo di essere stato rapito in Siria da un gruppo armato. "Cercavo soldi per rientrare nel giro del commercio di metalli ferrosi. Avevo bisogno di una fidejussione. Lui mi disse che aveva contatti con finanziarie in Turchia".

"Conosco Sergio da diversi anni, abbiamo attraversato vicissitudini finanziarie e giudiziarie insieme". "Lui mi disse che mi avrebbero aiutato e fornito quello di cui avevo bisogno - prosegue Scalvinoni nel suo racconto al Giornale di Brescia -. Si offriva di andarci, ma aveva a sua volta necessità di denaro. Gli feci un bonifico di 5.500 euro sulla sua carta di credito ricaricabile. Pochi giorni dopo partì. Nel periodo in Turchia mi chiese altri soldi, poi non l'ho più sentito".

"Non ci sono novità, aspettiamo fiduciosi", ha detto dal canto suo Yolande Mainer, l'ex moglie francese di Sergio Zanotti. Gli inquirenti stanno scandagliando la vita e le amicizie di Zanotti. Non si esclude che possa aver accumulato debiti in Italia che aveva intenzione di saldare.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali