FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Brasile, scompare il campo "sesso" dalla nuova carta d'identità

Il decreto che regolerà l'emissione del documento di riconoscimento con le modifiche, chieste dal ministero dei Diritti Umani e della Cittadinanza, dovrebbe essere pubblicato a fine giugno. L'obiettivo è promuovere maggiore cittadinanza e rispetto

Brasile, scompare il campo "sesso" dalla nuova carta d'identità - foto 1
ansa

Il governo brasiliano cambierà la Carta d'identità nazionale (Cin) per renderla "più inclusiva e rappresentativa".

Il nuovo documento non farà più distinzione tra denominazione sociale e denominazione anagrafica; d'ora in poi conterrà solo il nome con cui la persona si dichiara nell'atto di emissione. La carta d'identità, inoltre, verrà stampata senza il campo sesso. Il decreto che regolerà l'emissione del documento di riconoscimento con le modifiche, chieste dal ministero dei Diritti Umani e della Cittadinanza, dovrebbe essere pubblicato a fine giugno. L'obiettivo è promuovere maggiore cittadinanza e rispetto per le persone Lgbt.

 

Le modifiche alla carta d'identità nazionale sono state chieste dal ministero dei Diritti Umani e della Cittadinanza, con l'obiettivo di promuovere maggiore cittadinanza e rispetto per lesbiche, gay, bisessuali, travestiti, transgender, queer, intersessuali, asessuali (Lgbtqia+) e sono parte dell'impegno del governo per le politiche pubbliche rivolte a questi cittadini.

 

I matrimoni gay quadruplicati in 10 anni

 In Brasile, i matrimoni tra persone dello stesso sesso sono aumentati di quattro volte negli ultimi dieci anni, secondo i dati dell'Associazione nazionale dei catasti delle persone fisiche (Arpen-BR). Nel 2013, il Consiglio nazionale di giustizia iniziò ad autorizzare questo tipo di unione negli uffici dello stato civile e da allora i matrimoni sono quadruplicati, arrivando a 12.897 nel 2022, rispetto ai 3.700 del 2013. Le quasi 13 mila unioni hanno rappresentato solo lo 0,02% di tutti i matrimoni avvenuti lo scorso anno.

 

Il riconoscimento legale delle unioni omo-affettive è stato, per anni, una delle principali bandiere del movimento Lgbt, che ogni anno organizza a San Paolo la sfilata del gay pride, considerata la più grande del mondo.

 

Negli ultimi dieci anni sono state registrate 73.640 unioni civili tra persone dello stesso sesso, il 56% delle quali tra coppie femminili. Lo Stato brasiliano con il maggior numero di matrimoni è San Paolo (il più popoloso del Paese), con 30.000, pari al 38,9%, seguito da Rio de Janeiro, con l'8,6%. 

TI POTREBBE INTERESSARE

Brasile, contro le discriminazioni di genere tutti a scuola con il rossetto

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali