FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brasile, bambini in cerca di famiglia adottiva sfilano in un centro commerciale: polemiche

Prima di calcare il palco, i piccoli sono stati pettinati e abbigliati da professionisti del settore estetico, sostenuti da negozi e brand per lʼinfanzia che hanno fornito a titolo promozionale i capi d’abbigliamento

Sulla passerella allestita dentro un centro commerciale di Cuiabá, in Brasile, hanno sfilato bambini e ragazzi orfani, dai 4 ai 17 anni, davanti a un pubblico di potenziali genitori adottivi. L'iniziativa sta dividendo il paese per il trattamento riservato ai minori usati come animali domestici o schiavi all'asta, come riportano diverse testate locali. Il candidato alle presidenziali Guillermo Boulos ha descritto l’iniziativa come “incredibile perversità” e con “effetti devastanti”.

“Una sfilata che sembra una vecchia fiera degli schiavi, dove i signori guardavano i denti degli africani e ne verificavano la corporatura robusta per poi negoziarne il prezzo”, ha commentato l’avvocato Eduardo Mahlon, che ha poi ricordato come - dopo la precedente edizione della sfilata, nel 2016 - solo due adolescenti avrebbero trovato una famiglia.

Una ex deputata, Manuela d’Avila, ha condannato l'esposizione dei bambini in passerella: "Sono pieni di sogni e desideri, in cerca di approvazione dopo la sfilata; come se per amare un bambino dovessimo ammirarli fisicamente". La Commissione per i bambini e i giovani che ha organizzato l’evento, invece difende la sfilata. La presidente La Ramalho ha detto che questa iniziativa servirebbe ai potenziali genitori adottivi “per incontrare i bambini”, “per avere più informazioni sull’adozione” e ai bambini “per avere un giorno diverso, in cui saranno acconciarsi, vestirsi e curare il make-up per la sfilata”.

Prima di calcare il palco, i piccoli sono stati pettinati e abbigliati ad hoc da professionisti del settore estetico, sostenuti da negozi e brand per l'infanzia che hanno fornito a titolo promozionale i capi d’abbigliamento e gli altri accessori per la sfilata. Nonostante queste implicazioni commerciali, l’evento era stato autorizzato dal Giudice minorile Gleide Bispo Santos e avrebbe ottenuto il sostegno della Commissione per l’infanzia e la gioventù della OAB nel Mato Grosso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali