FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Belgio, politico belga negazionista condannato a visitare i lager per 5 anni

Lʼex deputato dovrà fare poi un resoconto dettagliato su Facebook

Belgio, politico belga negazionista condannato a visitare i lager per 5 anni

Dovrà obbligatoriamente visitare i campi di concentramento per cinque anni. Poi fare un resoconto, mandarlo ai giudici e pubblicarlo su Facebook. È la particolare sentenza del Tribunale d’appello di Bruxelles. Il protagonista è Laurent Louis, ex deputato al parlamento federale belga, condannato per negazionismo in primo grado a sei mesi di carcere. Il politico aveva minimizzato la Shoah sui social, mettendo in dubbio l’esistenza delle camere a gas. “Finalmente qualcuno riconosce il mio talento di scrittore", ha ironizzato Louis.

La sentenza - Per cinque anni, il 37enne dovrà visitare i lager più noti - tra cui Auschwitz in Polonia e Dachau in Germania - e scrivere un commento di 50 righe sulle emozioni che proverà. Il politico si è scusato su Facebook per le frasi sulla Shoah. Si è poi detto soddisfatto della sentenza. La condanna di primo grado prevedeva, infatti, sei mesi di reclusione più una multa di circa 18mila euro. “Sarà un'esperienza formativa da un punto di vista umano e un'occasione per denunciare i genocidi attuali", ha concluso Louis sul social network.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali