FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Austria, 70 profughi trovati morti in un tir Merkel: accordo su migranti con lʼItalia

I migranti sono deceduti per soffocamento. Gentiloni: "Adesso finalmente lʼEuropa è consapevole della dimensione della tragedia immigrazione"Ungheria: entrati 3mila migranti in 24 ore

Austria, 70 profughi trovati morti in un tir Merkel: accordo su migranti con l'Italia

Nuova tragedia dell'immigrazione, questa volta lontano dal mare. I corpi di settanta profughi sono stati trovati morti in un Tir in Austria. L'autoarticolato sul quale sono stati rinvenuti i cadaveri viaggiava sull'autostrada A4 in Austria e le vittime sono morte per soffocamento. La cancelliera tedesca Angela Merkel, intanto, annuncia un accordo con Italia e Grecia per i centri di identificazione.

Austria, 70 profughi trovati morti in un tir Merkel: accordo su migranti con l'Italia

I rifugiati si trovavano sul retro del mezzo, il cui conducente è fuggito. Il tir, parcheggiato probabilmente mercoledì in una piazzola della A4, sarebbe stato trovato giovedì mattina nei pressi di Parndorf, nella provincia di Neusiedl am See, da un dipendente della Asfinag (società autostradale austriaca). L'informazione della scoperta del mezzo carico di cadaveri è giunta alla polizia alle 11.30.

Merkel: "Distribuiremo i migranti in modo equo" - La cancelliera Merkel ha commentato così la tragedia: "Siamo tutti sconvolti dalla notizia agghiacciante dei profughi morti nel tir. Questo è un ammonimento all'Europa a offrire solidarietà e a trovare soluzioni. Troveremo il modo di distribuire il carico e le sfide in modo equo". E ha aggiunto: "Come abbiamo risolto tutti i problemi negli ultimi anni nello spirito di solidarietà, così dobbiamo fare anche stavolta perché il mondo ci guarda. Io sostengo quello che ha detto il cancelliere Feymann: non dobbiamo essere gli uni contro gli altri, ma vedere insieme cosa fare e come ottenere una distribuzione giusta dei migranti".

Accordo sui centri di registrazione - Il cancelliere tedesco ha quindi annunciato che è stato "raggiunto con Italia e Grecia l'accordo sul fatto che i cosiddetti centri di registrazione o Hot Spots debbano essere allestiti entro la fine dell'anno". La Merkel ha quindi specificato che "Italia e Grecia potranno accettare centri del genere soltanto se altri Paesi sono pronti ad accogliere la loro quota di asilanti. Io immagino che Austria, Germania e Francia, che hanno una posizione comune, si impegneranno con Italia e Grecia a reclamare quote del genere".

Germania: "Velocizzare realizzazione hotspot" - La tragedia del ritrovamento dei profughi morti nel Tir è "un ammonimento stringente a velocizzare i cosiddetti hotspot". Lo ha detto il ministro dell'Interno tedesco Thomas De Maiziere, che ha ribadito in una conferenza stampa a Berlino "l'urgenza dei centri in Grecia e Italia" da allestire entro la fine di questo anno.

Gentiloni: "Ora Ue ha consapevolezza del problema" - "La Ue ha finalmente una maggiore consapevolezza comune sull'immigrazione - ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni -. E' necessario che ognuno si assuma la sua responsabilità sull'immigrazione. Fino a tre mesi fa l'Italia e la Grecia sembravano da sole. Purtroppo la durissima realtà, come la tragedia di oggi, ha fatto sì che adesso ci sia un diverso linguaggio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali