FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Australia, al governo il primo premier di origini italiane: Anthony Albanese

Il leader laburista, neo vincitore delle elezioni, nel 2014 è stato in Italia per conoscere il padre Carlo che lo aveva abbandonato quando era ancora in fasce 

Ansa

Anthony Albanese, leader del partito laburista e neo vincitore delle elezioni in Australia, sarà il primo premier di origini italiane a guidare il Paese.

Delle sue origini pugliesi se ne parla anche nella sua biografia "Albanese: Telling it Straight". Il padre, Carlo Albanese, era infatti di Barletta. Anthony tuttavia è stato allevato esclusivamente dalla madre e ha conosciuto il padre solo otto anni fa, poco prima della sua morte.

Anthony,

nel 2014 ha deciso di recarsi in Italia

per conoscere l'uomo che ha abbandonato lui e la madre, Maryanne Ellery, poco dopo la sua nascita. Da piccolo gli era stato detto che il padre era morto in un incidente stradale poco dopo il matrimonio con la sua mamma in Europa. La verità gli è stata svelata solo all'età di 14 anni: per evitare quello che sarebbe stato uno scandalo nell'Australia degli anni Sessanta e all'interno di una famiglia molto cattolica si era evitato di parlare della storia dell'abbandono.

Carlo faceva lo steward su una nave da crociera quando conobbe Maryanne nel 1962

durante l'unico viaggio oltreoceano della sua vita in Asia ed Europa. Tornata a Sidney era single e incinta di quattro mesi. Il due marzo del 1963 nacque Anthony, detto Albo dagli amici, oggi premier d'Australia.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali