FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Attacco ad Ansbach, in un video lʼattentatore prometteva fedeltà allʼIsis di Al Baghdadi

Il documento trovato sul cellulare del siriano che si sarebbe fatto esplodere prima di raggiungere il pubblico al festival. Berlino potenzia i controlli di sicurezza per aeroporti e treni

Sul telefonino del rifugiato siriano che si è fatto esplodere ad Ansbach, in Germania, le autorità hanno trovato un video in cui l'uomo giura fedeltà al califfo dell'Isis Al Baghdadi. Il siriano minaccia poi di compiere un attacco come rivalsa nei confronti dei tedeschi perché potrebbero distruggere l'islam. In una prima traduzione, l'uomo dice di agire in nome di Allah.

Ansbach, ecco Mohammad Daleel: in un video il giuramento di fedeltà al Califfato

Nel filmato anche una minaccia esplicita al popolo tedesco: "Non potrete più dormire sonni tranquilli". Il rifugiato siriano di Ansbach aveva addosso parecchio denaro contante: secondo la polizia aveva un rotolo di banconote da 50 euro legate con un elastico. Gestiva inoltre sei profili Facebook, almeno uno dei quali con dati personali falsi. Sui cellulari sono state trovate diverse conversazioni whatsApp, tutte al vaglio degli inquirenti.

Aveva materiale per bombe artigianali - Durante la perquisizione al centro di accoglienza per rifugiati dove viveva il siriano di Ansbach è stato trovato diverso materiale compatibile con la costruzione di bombe artigianali, come pezzi di ferro e batterie. Al centro rifugiati gli investigatori hanno trovato una latta di gasolio, acido idrocloridrico, alcool, ferro, fili, batterie e bulloni, oltre ad un pc portatile con immagini legate all'Isis. Il siriano, morto per le lesioni causate alla sua aorta ed al suo fegato dalla esplosione, aveva costruito la bomba artigianalmente. Pezzi di metallo dell'ordigno, "progettato per uccidere", sono stati proiettati a diversi metri dalla deflagrazione. Il rifugiato era arrivato per la prima volta in Germania il 3 luglio 2014. Era stato destinatario di un foglio di via.

Veniva da Aleppo, aveva ferite di guerra - Il siriano arrivava da Aleppo, in Siria, ed aveva ferite di guerra e necrosi sui piedi e sulle gambe. Non si sa se avesse una formazione militare, ma secondo la polizia tedesca "sapeva come uccidere da solo". Era stato dimesso da un ospedale in seguito ad una terapia elettroconvulsiva ed era sotto controllo per il suo stato psichico.

Berlino: non escludiamo legami di kamikaze con Isis - Non si possono escludere dalle indagini eventuali collegamenti con lo Stato islamico (Isis) del 27enne rifugiato siriano. E' il timore espresso dal ministro dell'Interno di Berlino, Thomas de Maiziere. Il ministro ha aggiunto che anche i problemi psichici dell'attentatore, deceduto nell'esplosione, possono aver contribuito in maniera determinante nello spingere il siriano a perpetrare l'attentato. "Le persone instabili sono vulnerabili alla radicalizzazione", ha tenuto a sottolineare il ministro di Angela Merkel, sottolineando che è ancora presto per poter giungere a delle conclusioni in tale senso.

Polizia potenzia sicurezza in aeroporti e stazioni - "La polizia federale rafforzerà la propria presenza e visibilità in aeroporti e stazioni". Lo ha detto il ministro dell'Interno Thomas de Maiziere.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali