FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Mondo > Marò, anche l'India vuole stringere i tempi
21.9.2013

Marò, anche l'India vuole stringere i tempi

Tre ministri sarebbero al lavoro per trovare una soluzione che porti a una rapida chiusura delle indagini: al momento l'inchiesta sarebbe "bloccata" dalla richiesta della polizia di poter interrogare anche gli altri marinai a bordo dell'Enrica Lexie il 15 febbraio 2012

08:01 - Tre ministri indiani lavorano in queste ore con con la polizia investigativa Nia per trovare un meccanismo che permetta di chiudere l'inchiesta che coinvolge i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Lo si è appreso a New Delhi. Per questo, l'inviato del governo italiano, Staffan de Mistura, ha deciso di rinviare la sua partenza dalla città indiana.
"Di fronte a questa situazione in movimento - ha dichiarato de Mistura - ho deciso di rinviare la mia partenza. Ho intenzione di restare fino a quando le autorità indiane non risolveranno il problema". "Al momento, grazie anche alla nostra azione - ha spiegato l'inviato del governo italiano -, vedo degli spiragli positivi e quindi ho deciso di restare perché sia costante la pressione volta al reperimento di una soluzione che permetta di andare avanti".

L'interrogatorio degli altri 4 marò "blocca" l'inchiesta - De Mistura ha spiegato che, "di fatto, le indagini della Nia sono concluse e resta solo la nota questione dell'interrogatorio dei quattro marò" che, con Latorre e Girone, formavano il team di sicurezza della Enrica Lexie il 15 febbraio 2012, giorno dell'incidente in cui trovarono la morte due pescatori indiani.

De Mistura: "Altri marò a disposizione, ma non in India" - "La nostra posizione - ha concluso - è chiara: i quattro sono a disposizione ma non verranno in India. Per cui la Nia deve essere autorizzata a procedere in un altro modo per raccogliere le loro dichiarazioni".

E' possibile che sulla base del materiale a loro disposizione gli investigatori della Nia abbiano qualche difficoltà a presentare capi di imputazione solidamente motivati nei confronti degli imputati, per cui l'interrogatorio di Renato Voglino, Massimo Andronico, Antonio Fontana e Alessandro Conte viene considerato essenziale.
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile