FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Agricoltore sposta il confine tra Francia e Belgio: rischio incidente diplomatico

Poiché impediva il passaggio al suo trattore, l'uomo ha trascinato per due metri e mezzo in territorio francese il cippo che indica la linea di demarcazione tra i due Paesi

Un agricoltore belga ha rischiato di provocare una guerra diplomatica "invadendo" la Francia e "spostando" di 2 metri e 29 centimetri il confine tra le località di Bousignies (Francia) e Montignies (in Belgio). Il motivo? Il cippo che segna la linea di confine tra i due Paesi gli dava fastidio quando manovrava con il trattore, e così lui l'ha mossa, portandola in territorio francese.

 

 

A scoprire l'"invasione" è stato un appassionato di storia locale che, camminando nei boschi della zona, ha notato che la pietra che segnava il confine tra i due Paesi era stata spostata. Fortunatamente l'episodio si è concluso senza incidenti, ma suscitando l'ironia di entrambe le parti. "Ha reso il Belgio più grande e la Francia più piccola, non è una buona idea", ha commentato al canale televisivo francese TF1 David Lavaux, sindaco del villaggio belga di Erquelinnes. "Ero felice, la mia città era più grande - ha aggiunto sorridendo il sindaco belga - Ma il primo cittadino di Bousignies-sur-Roc non era d'accordo".

 

Il confine tra Francia e Belgio, che si estende per 620 km, è stato stabilito con il Trattato di Kortrijk, firmato nel 1820 cinque anni dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo. Delimitata con alcune pietre, da allora la linea che divide Francia e Belgio non è mai cambiata. Fino ad ora. Adesso le autorità locali belghe hanno contattato l'agricoltore per invitarlo a risistemare la pietra nella sua posizione originale. Se ciò non dovesse accadere, il caso potrebbe finire al ministero degli Esteri belga, che dovrebbe convocare una commissione di frontiera franco-belga, che non si riunisce dal 1930.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali