FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Afghanistan, Nato bombarda ospedale Msf Almeno 19 morti, Kabul: "Cʼerano terroristi"

Tra le vittime medici, infermieri, guardie e anche tre bambini. Il Pentagono: "In corso inchiesta". LʼOnu: "Potrebbe essere crimine di guerra"

Afghanistan, Nato bombarda ospedale Msf Almeno 19 morti, Kabul: "C'erano terroristi"

Un ospedale di Medici senza frontiere è stato colpito in un bombardamento della Nato a Kunduz, in Afghanistan. Secondo fonti di Msf, i morti sono almeno 19, tra cui infermieri, medici, pazienti e pure tre bambini. Tanti i feriti. La città è da giorni teatro di scontro tra le forze governative e i talebani. Kabul: "Nella struttura si nascondevano dei terroristi", ma i talebani smentiscono. L'Onu: potrebbe essere crimine di guerra.

Afghanistan, Nato bombarda ospedale Msf Almeno 19 morti, Kabul: "C'erano terroristi"

"Se l'indagine sul bombardamento aereo sull'ospedale dovesse provare che l'obiettivo è stato colpito intenzionalmente, il caso potrebbe configurarsi come crimine di guerra". Lo ha dichiarato Zeid Raad Al Hussein, responsabile dei diritti umani alle Nazioni Unite, definendo quanto accaduto "tragico, imperdonabile e forse anche criminale".

In un primo momento le forze americane, nel confermare il raid su Kunduz, hanno fatto pensare a un errore. "L'attacco potrebbe avere causato danni collaterali a una struttura medica della città dell'Afghanistan".

Msf: "Usa e Afghanistan sapevano" - Ma secondo Msf il bombardamento contro l'ospedale è proseguito per mezz'ora dopo la segnalazione fatta alle forze armate Usa e afghane. Medici senza frontiere aggiunge che "tutte le parti in conflitto, incluse Kabul e Washington, conoscevano le coordinate delle nostre strutture già da mesi". E ancora: "Come in tutti i contesti di guerra, Msf ha comunicato le coordinate Gps a tutte le parti del conflitto in diverse occasioni, la più recente il 29 settembre". E chiede urgentemente chiarezza per capire esattamente cosa sia successo e come sia potuto accadere un evento di questa gravità.

Il Pentagono: "Inchiesta in corso" - "Stiamo cercando di determinare cosa sia successo esattamente e voglio esprimere il mio cordoglio alle persone colpite". Così il segretario alla Difesa Usa, Ash Carter. "Un'indagine completa sui tragici fatti è in corso in coordinamento con il governo afghano", ha aggiunto.

Kabul: "Terroristi nascosti nell'ospedale" - Al momento del bombardamento in quell'ospedale "si nascondevano 10-15 terroristi", secondo il ministero dell'Interno afghano. In una conferenza stampa a Kabul il portavoce Siddiq Siddiki ha assicurato che "tutti i terroristi sono stati uccisi, ma tra le vittime ci sono stati anche dottori". E ha precisato che circa 80 membri dello staff dell'ospedale, fra cui 15 stranieri, sono stati portati in salvo.

Il portavoce dei talebani: "Non c'erano jihadisti" - La presenza di "terroristi" è stata però negata dal portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid. Condannando in un comunicato il bombardamento, Mujahid ha rilevato che esso è stato realizzato nonostante che "neppure un mujaheddin dell'Emirato islamico fosse ricoverato nell'ospedale perché la situazione militare prevalente a Kunduz non ci permetteva di portare i nostri combattenti in quella struttura".

La condanna di Onu e Croce rossa - Il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) ha condannato senza mezzi termini il bombardamento. Il capo della delegazione afghana del Cicr, Jean-Nicolas Marti, ha definito quanto accaduto "una tragedia agghiacciante".

Msf: le bombe e l'emergenza - "Siamo profondamente scioccati - prosegue il comunicato firmato dal direttore delle operazioni di MSF Bart Janssens - da questo attacco, dall'uccisione di membri del nostro staff e di pazienti e dai gravi danni inflitti alla sanità della città".

Al momento del bombardamento nell'ospedale c'erano 105 pazienti con i loro famigliari e 80 membri dello staff nazionale e internazionale di Msf.

Onu chiede inchiesta -
L'Onu vuole un'inchiesta sull'attacco della Nato. "Condannando fortemente" il bombardamento dell'ospedale, il segretario generale Ban Ki-moon ha ricordato che ospedali e personale medico sono protetti dalla legge umanitaria internazionale e ha chiesto perciò un'inchiesta "completa e imparziale".

Msf lascia Kunduz - Médecins sans Frontières (Msf) si è ritirata da Kunduz. La portavoce Kate Stegeman ha precisato che parte del personale sta lavorando in altre strutture.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali