FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio al re delle fake news: è morto Paul Horner

Eʼ stato trovato senza vita nella sua casa vicino a Phoenix, in Arizona: il decesso risalirebbe al 18 settembre. Si ipotizza unʼoverdose di farmaci

Addio al re delle fake news: è morto Paul Horner

Addio al re delle fake news: Paul Horner, diventato famoso durante le ultime presidenziali americane per le bufale virali sul web, è stato trovato morto nella sua casa vicino a Phoenix, in Arizona. Secondo Mark Casey, portavoce dell'Ufficio dello Sceriffo della Contea di Maricopa, Horner, che aveva 38 anni, sarebbe deceduto il 18 settembre. Per le autorità non si tratterebbe di un delitto: l'uomo ha "una storia di abusi di farmaci da prescrizione", ha spiegato il portavoce, e "le prove raccolte sul luogo suggerirebbero che si tratti di un'overdose accidentale".

Tra le fake news più conosciute diffuse da Horner ci sono quella che Obama era gay e musulmano radicale, o quella sui manifestanti anti-Trump che erano pagati. La sua notorietà è cresciuta soprattutto durante la campagna elettorale del 2016, tanto che in un'intervista al Washington Post del 17 novembre, si era detto convinto che il tycoon avesse conquistato la Casa Bianca proprio grazie a lui.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali