FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Videogioco simula lʼuccisione di un giornalista: scoppia la polemica su Sniper 3D Assassin

“La sua ventiquattrore è piena di documenti. Rendilo famoso in una maniera diversa”, recita lʼobiettivo della missione

Videogioco simula l'uccisione di un giornalista: scoppia la polemica su Sniper 3D Assassin

Nelle ultime ore è esplosa una polemica social su una discutibile missione di Sniper 3D Assassin, videogioco per smartphone iOS e Android pubblicato da un'azienda brasiliana nel 2014 e scaricato da oltre 10 milioni di persone nel suo primo mese di vita. L'obiettivo? Uccidere un giornalista.

La missione scandalo si chiama "Breaking News" e la sua descrizione recita:

"Un giornalista ha corrotto un poliziotto e prenderà da lui una ventiquattrore. La ventiquattrore è piena di documenti. Rendilo famoso in una maniera diversa".

Sniper 3D Assassin è un sparatutto in cui si impersona un cecchino, nel 2016 è stato il gioco più scaricato su App Store e attualmente vanta una valutazione complessiva di 4,5 su 5 calcolata tenendo conto delle recensioni di oltre 12 milioni di giocatori.

Dopo l'accaduto, però, il gioco dovrebbe avere vita breve: l'eccessiva violenza nei videogiochi per smartphone e tablet viene spesso monitorata da Google e Apple e, in particolare, le linee guida dell'App Store sottolineano che "le app non dovrebbero includere contenuti offensivi, insensibili, traumatizzanti, intenti al disgusto o di cattivo gusto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali