FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Svizzera, la valorizzazione delle piste ciclabili entra nella Costituzione

Approvata con un referendum dal 73,6% degli aventi diritto

Svizzera, la valorizzazione delle piste ciclabili entra nella Costituzione

La Svizzera da oggi in poi dovrà sostenere i suoi vari cantoni nello sviluppo e nella realizzazione delle piste ciclabili. L’iniziativa, che era uno dei referendum in programma domenica nello Stato elvetico, è stata approvata favorevolmente dal 73,6% dei cittadini. Con questo voto, verrà modificato l’articolo 88 della Costituzione federale: sarà integrato con l’inserimento della tutela delle strade e dei percorsi per chi si sposta su due ruote.

La proposta ha visto il trionfo del sì ovunque, ed è stato particolarmente forte nei cantoni latini: 86% nel cantone di Vaud, 83% a Ginevra e l’82% a Neuchâtel, mentre nel canton Ticino i favorevoli sono stati il 75%.

Non è passato invece l’altro referendum che proponeva generi alimentari sani, prodotti nel rispetto dell’ambiente e degli animali, con condizioni di lavoro eque. Dopo un iniziale e generalizzato favore, ha prevalso il timore di un innalzamento dei prezzi e il 61% dei votanti ha bocciato l’idea, proposta dal Partito ecologista svizzero.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali