FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Smog, a Milano livelli di particelle inquinanti due volte superiori ai limiti

La mappa interattiva mostra "concentrazioni tanto alte da poter causare danni alla salute anche con brevi esposizioni"

Chi vive e lavora a Milano respira concentrazioni di particelle inquinanti che raggiungono livelli molto superiori ai limiti di legge e alle soglie previste dall’Oms. Si parla di una concentrazione di PM10 che nel capoluogo lombardo oltrepassa, in media, i 91 microgrammi per metro cubo, più del doppio rispetto al limite annuo di 40 microgrammi per metro cubo. Lo rivela il report di Cittadini per l’aria Onlus.

Il 28 e il 29 settembre l'associazione aveva invitato i cittadini milanesi a pedalare su tandem muniti di contatori ottici di particelle per la ciclostaffetta "Gambe all'aria". I partecipanti hanno percorso oltre 60 km in diversi luoghi della città, lungo strade più e meno trafficate, accompagnati dai volontari del Politecnico di Milano e ai tecnici di XEarPro che hanno supportato il monitoraggio. Ne è nata una mappa interattiva che mostra la variazione del particolato presente in atmosfera nelle varie zone percorse.

I risultati delle rilevazioni arrivano nello stesso giorno in cui si conclude lo European Diesel Summit a Bruxelles ed evidenziano che anche le concentrazioni di PM2.5 sforano le soglie previste, raggiungendo in media i 41 microgrammi per metro cubo, quattro volte più alte dei valori prescitti dall’Organizzazione mondiale della sanità. Le concentrazioni riscontrate di particolato (PM10, PM2.5, PM1) sono "tanto alte - spiega l'associazione - da poter causare, come dimostrato da ricerche epidemiologiche recenti, danni alla salute anche a seguito di brevi esposizioni".

I livelli rientrano però nei limiti di legge all’interno delle aree pedonali, zone che, secondo le associazioni ambientaliste, dovrebbero essere aumentate nelle città. "Le amministrazioni sanno che il danno sui cittadini è conseguenza del loro agire - dice dice Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’Aria - ma avrebbero la strada spianata: un sondaggio europeo pubblicato pochi giorni fa da Ipsos indica che gli italiani sono la popolazione europea più disponibile all’istituzione delle zone a traffico limitato, con un 74% di cittadini favorevoli".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali