FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lotta allo spreco alimentare, arriva anche a Milano la app che favorisce la sostenibilità e fa risparmiare

Dai Navigli alla Bicocca, sono oltre 30 i locali che hanno aderito al progetto Regusto: ora si può risparmiare fino al 50% su sushi, piatti indiani e asiatici, pizza napoletana, panini, street food, pasticceria e cibi gluten free

Arriva anche a Milano una app contro lo spreco alimentare. Si chiama Regusto e con un click permette di acquistare gustosi cibi a prezzi vantaggiosi e, allo stesso tempo, di contribuire a ridurre le eccedenze. Nel capoluogo lombardo sono già oltre 30 i locali, tra ristoranti, street food, bar, rosticcerie e pasticcerie, che hanno deciso di aderire a questo progetto. E le specialità soddisfano tutti i palati grazie all’ampia offerta, che spazia dalla pizza napoletana alla cucina asiatica e a quella etnica, dai piatti tipici umbri ai dolci siciliani, con un occhio di riguardo anche al gluten free e alla cucina gourmet. Le proposte sono destinate ad aumentare in poco tempo per questa app che non può più mancare sugli smartphone dei milanesi.
 
 

Come funziona? I locali possono offrire a prezzi scontati i piatti che rischierebbero di essere sprecati ma possono anche preparare pietanze ad hoc da proporre nei giorni e agli orari di minor affluenza; i clienti possono trovare nell’app ottimi piatti, risparmiando dal 20 al 50% rispetto al prezzo di vendita indicato nel menu. Grazie alla geo-localizzazione, garantita dalla tecnologia e dall’utilizzo degli smartphone, per gli utenti è ancora più facile trovare le offerte a portata di mano. Una volta selezionati i cibi che si preferisce mangiare e l’ora in cui ritirarli, si può pagare con carta di credito o debito direttamente dall’app. Al momento del ritiro i piatti acquistati vengono riposti nelle pratiche Bag, contenitori ecosostenibili perché realizzati con materiale compostabile, che innovano il concetto di asporto e diventano originali strumenti di sensibilizzazione.


 
“In un periodo in cui il tema ambientale è centrale, per Regusto era determinante essere anche a Milano, città dinamica ed estremamente attenta a queste nuove istanze. Lo spreco alimentare in Italia equivale a 15 miliardi di euro all’anno, quasi un punto del Pil nazionale. Regusto con la sua app e la sua piattaforma rappresenta una risposta contro questo scempio: per i ristoratori è un canale di vendita in più per gestire in modo più efficiente il ciclo di approvvigionamento e preparazione dei piatti; per i consumatori è un servizio che permette di mangiare bene a prezzi scontati e contribuire alla lotta allo spreco alimentare”, ha commentato Paolo Rellini, co-founder di Regusto. Ma Regusto non si rivolge solo ai consumatori, perché è anche una piattaforma tecnologica di food sharing con finalità sociali. “La nostra innovativa piattaforma mette in rete le Pubbliche Amministrazioni, gli enti no-profit e i produttori e distributori di generi alimentari, per garantire una redistribuzione in tempo reale del cibo che altrimenti andrebbe buttato. Un modello di food sharing riconosciuto come innovativo a livello europeo e approfondito recentemente in una pubblicazione scientifica dedicata all’impatto della digitalizzazione sulla riduzione dello spreco alimentare”.
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali