FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, in Italia -35% di Co2 in 2 mesi: vicino all'obiettivo fissato per il 2030 dall'accordo di Parigi

Lʼallarme dellʼesperto: "Cʼè il rischio che, finita la pandemia, si inneschi una crescita senza precedenti"

Crollo della Co2 in Italia per l'effetto del lockdown da coronavirus. In soli due mesi le emissioni di anidride carbonica hanno raggiunto un -35%, target molto vicino a quello che dovrebbe essere il taglio da raggiungere in un decennio per centrare gli obiettivi dell'accordo di Parigi sul clima. E' quanto emerge dai dati elaborati da "Italy for Climate", iniziativa promossa da imprese italiane della green economy.

Solo nei mesi di marzo e aprile sono previste oltre 20 milioni di tonnellate di Co2 in meno rispetto al 2019. Un calo che, si ribadisce, "non è però strutturale, e a fine pandemia c'è il rischio che si inneschi una crescita senza precedenti, che allontanerà l'Italia sempre più dai target dell'accordo di Parigi".

 

"Per riuscire a essere in linea con Parigi - ha detto Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile - si dovranno mettere in campo politiche e misure tali da garantire livelli di emissione di Co2 paragonabili a quelli di queste ultime settimane. Uno sforzo titanico, necessario per evitare un'altra grande crisi, quella climatica, anche perché la storia insegna che dopo una crisi economica e un calo delle emissioni queste potrebbero tornare a crescere anche più di prima".

 

In particolare l'analisi su questi due mesi di misure restrittive per il contrasto dell'emergenza da Covid-19, indica che marzo è stato un mese "ibrido" in quanto il lockdown si è attivato gradualmente, come mostrano i dati: ad esempio i consumi elettrici della settimana 9-15 marzo sono diminuiti del 5,8% rispetto alla stessa settimana del 2019 e, nella settimana dal 23 al 29 marzo, quando le misure restrittive erano ormai a regime, del 21,1%.

 

Complessivamente nel mese di marzo i consumi di energia sono diminuiti del 15,9% rispetto allo stesso mese del 2019 e le emissioni di Co2 del 17% (5,7 milioni di tonnellate di Co2), i tre quarti di questo calo sono dovuti alla contrazione del settore dei trasporti.

 

Le emissioni di Co2 connesse alla mobilità si sono ridotte, infatti, di quasi 4,5 milioni di tonnellate di Co2, il crollo dei consumi di gasolio è responsabile del 60% di questo calo. Ad aprile i consumi di energia elettrica nelle prime tre settimane si stabilizzano intorno a un -23% rispetto allo stesso periodo del 2019. I consumi petroliferi crollano del 70% circa e altrettanto le emissioni: solo nel settore trasporti si stimano 7 milioni di tonnellate di Co2 in meno rispetto all'anno precedente.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali