FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Clima, quarto sciopero globale di "Fridays For Future" | In tutta Italia 300mila in piazza

Il movimento ambietalista scende in piazza in tutto il mondo per manifestare contro il Black Friday, considerato il simbolo del consumismo insostenibile e dello sfruttamento fuori controllo delle risorse

Il 29 novembre non è solo il giorno del Black Friday. Torna lo sciopero globale del clima di "Fridays For Future", il movimento di Greta Thunberg. E' il quarto sciopero mondiale, dopo quelli del 15 marzo e 24 maggio e la settimana del 20-27 settembre. La data del 29 novembre è stata scelta proprio in risposta al Black Friday e perché il 2 dicembre si apre a Madrid la conferenza Onu sul clima. In Italia sono oltre 300mila le persone scese in piazza.

Gli organizzatori hanno riferito che gli attivisti "sono scesi in piazza oggi, nonostante la pioggia, in più di 110 città italiane. I picchi ci sono stati a Roma (30mila persone sono arrivate in piazza del Popolo), a Milano con 25mila persone, a Torino e Napoli con 10mila".

 

I Paesi del mondo devono cominciare a discutere di come aumentare il loro sforzo per la riduzione dei gas serra, visto che gli impegni presi a Parigi nel 2015 sono ormai considerati insufficienti per contenere il cambiamento climatico nei limiti previsti dall'Accordo (2 gradi dai livelli pre-industriali, 1,5 se possibile).

 

Friday For Future, migliaia di ragazzi in piazza per il clima

Sono almeno 20mila i manifestanti a Roma per il quarto sciopero globale del clima. E' la cifra resa nota dagli organizzatori di Fridays For Future Roma. Migliaia di ragazzi in piazza anche a Milano. Questa volta la protesta per il clima si incrocia a quella contro il consumismo, che giunge al suo apice proprio nel Black Friday e incontra il movimento delle sardine, con i primi cartelli del nuovo movimento che si mescolano a quelli per l'ambiente: così la protesta è diventata un 'Block Friday': 

 

I ragazzi di Greta vogliono quindi far sentire la loro voce ai grandi della Terra, vogliono ribadire che bisogna agire subito e in modo drastico per salvare il pianeta. Ma la data del 29 novembre è stata scelta anche perché è quella del Black Friday, la giornata degli sconti, che dagli Stati Uniti si è ormai diffusa in tutto il mondo. Per "Fridays For Future", il Black Friday è il simbolo del consumismo insostenibile, di uno sfruttamento fuori controllo delle risorse, che impoverisce il pianeta e aumenta il riscaldamento globale.

 

Non a caso, FFF Italia ha scelto l'hashtag #BlockFriday per lo sciopero. Manifestazioni sono previste in quasi tutti i Paesi del mondo. L'obiettivo è superare la partecipazione record dell'ultimo sciopero: secondo il movimento, 7,5 milioni di persone. In Italia ci saranno cortei, presidi ed eventi in almeno 139 comuni. Oltre agli studenti, parteciperanno anche tutte le principali associazioni ambientaliste.

 

I ragazzi italiani di Greta presentano tre rivendicazioni: abbandonare le fonti fossili, garantire giustizia climatica a tutti i popoli, ascoltare la scienza. Per la prima volta alle manifestazioniper non parteciperà Greta Thunberg, che si trova su una barca a vela in mezzo all'Atlantico, impegnata a tornare in Europa dall'America a zero emissioni, ma ci sarà alla Cop di Madrid. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali