FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Clima, New York tra le città che rischiano di essere sommerse con lo scioglimento dell'Antartide

Tra le altre metropoli che potrebbero scomparire ci sono Tokyo, Londra, Amburgo e Shanghai

Antartide, nuovo disastro del surriscaldamento globale: due grossi ghiacciai si stanno fratturando

Due importanti ghiacciai dell'Antartide, il Pine Island e il Thwaites, si stanno fratturando rapidamente nei loro punti più vulnerabili. Il processo potrebbe portare al collasso delle piattaforme di ghiaccio galleggianti a cui sono collegati. A rilevarlo sono stati i dati e le immagini catturati dai satelliti, tutti pubblicati sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze (Pnas). I due ghiacciai collegano la calotta di ghiaccio dell'Antartide occidentale all'oceano. Alla loro estremità ci sono delle piattaforme di ghiaccio galleggianti e l'indebolimento del Pine Island e del Thwaiters potrebbe portare allo scioglimento di queste strutture, con un conseguente innalzamento globale del livello del mare. 

Tra le città più famose a rischio per l'innalzamento dei livelli del mare, ci sono New York, Tokyo, Londra e Amburgo. La conferma arriva dalla simulazione del progressivo scioglimento dei ghiacci in Antartide, un processo lento ma inesorabile. Il dossier, apparso sulla rivista Nature, è stato pubblicato dall'Istituto di ricerca sull'impatto climatico di Potsdam, dall'Università di Potsdam e dalla Columbia University di New York.

Il modello pubblicato su Nature indica che con un aumento di 2 gradi delle temperature medie globali rispetto ai valori pre-industriali, l'innalzamento del livello globale dei mari sarebbe di 2 metri e mezzo. I ricercatori hanno infatti rilevato che più aumentano le temperature, più diventa veloce il processo di scioglimento dei ghiacci, in una progressione che avanza inesorabile.

 

10 gradi, la soglia critica Il punto di non ritorno viene indicato nell'aumento di 10 gradi, una soglia critica che corrisponderebbe alla sparizione dei ghiacci in Antartide. Il conseguente innalzamento del livello dei mari comporterebbe conseguenze disastrose sulle città più vicine alle coste, come New York e Shanghai. "L'Antartide conserva più della metà dell'acqua dolce della Terra, congelata in una vasta lastra di ghiaccio di quasi 5 chilometri di spessore", ha osservato la coordinatrice, Ricarda Winkelmann, dell'Istituto per le ricerche sull'impatto climatico e dell'Università di Potsdam.

 

Una volta sciolto non si riforma La ricerca prevede che con un aumento di 4 gradi delle temperature, l'innalzamento del livello globale dei mari supererebbe i 6 metri; e con 6 gradi quasi 12 metri. "Le nostre simulazioni - osserva Winkelmann - mostrano che una volta sciolto, il ghiaccio non ritornerebbe al suo stato iniziale, anche se le temperature dovessero abbassarsi di nuovo". Le cose potrebbero andare diversamente solo se le temperature tornassero ai livelli pre-industriali: "Uno scenario - conclude - altamente improbabile". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali