FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Allarme birra, la siccità causerebbe calo della produzione di orzo

Secondo una ricerca incrociata tra Cina e Stati Uniti, i fattori metereologici in continuo cambiamento farebbero lievitare i prezzi della bevanda entro la fine del secolo

Allarme birra, la siccità causerebbe calo della produzione di orzo

La birra potrebbe subire un drastico calo nella produzione entro il 2099. È quanto emerge da uno studio in collaborazione tra l’Università di Pechino e quella della California a Irvine, coordinato dal ricercatore Steven Davis. La siccità e le ondate di calore potrebbero compromettere le colture di orzo, il principale ingrediente della bevanda alcolica, con conseguente impennata dei prezzi che colpirebbe i maggiori consumatori, come la Germania e la Repubblica Ceca.

Fattore siccitàLa ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Plants e parte dal fatto che nei periodi di maggiore caldo e calore estremi, la produzione dell’orzo cala drasticamente. È stato elaborato un modello che potesse fornire scenari diversi, con differenti condizioni climatiche e per realizzarlo si sono presi in esame i dati metereologici a partire dal 1981 fino al 2010.

PrevisioniL’Italia sta vivendo anni record per la produzione di orzo grazie a nuovi materiali genetici e alla buona tecnica colturale, in particolare nel 2016. In Argentina però, dicono i risultati della ricerca, il consumo potrebbe calare del 32% rispetto a quello attuale, mentre in Irlanda il costo potrebbe lievitare del 193%. Gli aspetti che riguardano il meteo non sono da sottovalutare, dato che possono minacciare la disponibilità e l'accessibilità economica della birra.

La resa dell'orzo"Il clima arido è causa di una sostanziale riduzione della resa dell’orzo nel mondo", dicono i ricercatori. A seconda del grado di siccità infatti, la perdita media di produttività dell’orzo potrebbe variare dal 3% al 17%, provocando entro la fine del secolo un netto calo di produzione della bevanda più popolare del mondo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali