FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Spotify conti a gonfie vele ma non bastano: licenziate altre 1.500 persone

"Dobbiamo raggiungere i nostri obiettivi, il taglio dei costi è la soluzione migliore", ha scritto il ceo del colosso svedese Daniel Ek

Spotify conti a gonfie vele ma non bastano: licenziate altre 1.500 persone - foto 1
ansa

Spotify taglia ancora il personale e nonostante i conti stiano andando bene ha deciso di licenziare altre 1.500 persone.

La società leader dello streaming musicale prende nuovamente la strada del taglio del personale con una decisione monstre che si somma agli 800 licenziamenti già avvenuti nel corso del 2023. "Per allinearci ai nostri obiettivi futuri e assicurarci la dimensione giusta per le sfide che abbiamo davanti, ho preso la difficile decisione di ridurre di circa il 17% le persone della società", si legge in un messaggio del ceo, Daniel Ek, pubblicato sul sito web del colosso svedese. Si tratta di una decisione "difficile" ma un passo cruciale per creare una più forte ed efficiente Spotify nel futuro". E' la terza riduzione del personale annunciata dal colosso dello streaming musicale nel 2023, dopo quella del 6% di gennaio e del 2% di giugno della piattaforma destinata all'unità podcast.

 

Leggi anche: Spotify Wrapped 2023, i più ascoltati di un anno

 

"Un taglio doloroso"

 "Mi rendo conto che per molti una riduzione di questa portata sembrerà sorprendentemente ampia, data la nostra recente trimestrale e la nostra performance", sottolinea ancora Ek. "Abbiamo discusso di eventuali riduzioni minori nel corso del 2024 e del 2025. Tuttavia, considerando il divario tra il nostro obiettivo finanziario e i nostri attuali costi operativi, ho deciso - spiega il numero uno dell'azienda nell'illustrare i motivi dei nuovi tagli - che un'azione sostanziale per ridimensionare i nostri costi era l'opzione migliore per raggiungere i nostri obiettivi anche se si tratta di un taglio incredibilmente doloroso per il nostro team".

 

I numeri della trimestrale erano positivi

 Una mannaia calata a un paio di mesi dall'ultima trimestrale che era stata accolta bene dal mercato. Spotify aveva registrato una crescita dei ricavi e dei sottoscrittori premium superiore alle attese e alla generazione di un utile operativo di 32 milioni di euro. Secondo il ceo di Spotify "oggi abbiamo ancora troppe persone dedite a sostenere il lavoro e persino a lavorare attorno al lavoro piuttosto che a contribuire a opportunità con un impatto reale" mentre sarebbe "necessario che più persone si concentrino sui risultati per i nostri principali stakeholder: creatori e consumatori". 

 

Per cui l'adozione di una "struttura più snella ci consentirà anche di reinvestire i nostri profitti in modo più strategico nel business" ora che "la crescita economica ha rallentato drasticamente e il capitale è diventato più costoso". "Questo - ha concluso Ek - non è un passo indietro, è un riorientamento strategico. Siamo ancora impegnati a investire e fare scommesse coraggiose, ma ora, con un approccio più mirato, garantendo la
continua redditività e la capacità di innovazione di Spotify".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali