FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spesa sanitaria in calo in Italia: così il rapporto Ocse

Il recente studio rileva nellʼarea una crescita più lenta della spesa sanitaria in linea con lʼandamento del Pil

Spesa sanitaria in calo in Italia: così il rapporto Ocse

Di recente l'Ocse, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha diffuso un importante studio sulla spesa sanitaria, il rapporto Health at a Glance 2015, da cui emerge un quadro a tinte fosche.

In generale la spesa sanitaria, in molti casi proprio a causa della crisi che ha talvolta "imposto” tagli e revisioni dei costi, aumenta ad un ritmo più lento rispetto ad alcuni fa, in sostanza in linea con la crescita altrettanto lenta del Pil. E in paesi come Italia e Portogallo si evidenzia (anno di riferimento il 2013) un calo per il terzo anno di fila. Quattro anni in discesa, invece, per la Grecia.

La conseguenza, avverte l'Organizzazione, è che "la qualità dell'assistenza sanitaria sta migliorando troppo lentamente per far fronte all'invecchiamento della popolazione e a crescente numero di persone con uno o più malattie croniche".

Ma nello specifico, cosa è successo nel nostro paese? Presto detto: con la crisi economica l'Italia ha adottato misure di riduzione della spesa pubblica, in particolare agendo su quella farmaceutica che dal 2009 al 2013 è diminuita del 3,2%. Ad ogni modo si è compensato con il ricorso ai farmaci generici, che è quadruplicato dal 2000 ad oggi. Ciononostante l'Italia occupa le ultime posizioni per la quota di mercato, con il 19% in volume e l'11% in valore contro le medie Ocse che risultano essere rispettivamente del 48% e del 24%.

Tutto sommato la qualità delle cure resta in Italia più alta che altrove e le aspettative di vita sono buone. A destare preoccupazione, piuttosto, sono gli indicatori di salute all'età di 65 anni, che in questo caso risultano invece essere tra i peggiori dell'area Ocse. Allo stesso modo i tassi di obesità e sovrappeso sono anch'essi tra i più alti. Questo potrebbe significare, nel prossimo futuro, un aumento della domanda di assistenza sanitaria. Dunque più costi sociali. E un italiano su dieci, sostiene il rapporto Ocse, non si reca dal dentista per motivi economici.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali