PASSATO E PRESENTE

Arper, il grande design del Triveneto che è riuscito a conquistare tutto il mondo

Nata come impresa di famiglia nel 1989, l'azienda è oggi sinonimo di eleganza e raffinatezza e fattura oltre 53 milioni di euro con le sedie e tavoli di design

19 Mag 2015 - 14:06
 © ufficio-stampa

© ufficio-stampa

Oltre 53 milioni di euro di fatturato, il cui 90% proviene dall'estero. Centoventi dipendenti tra Italia, Regno Unito, Stati Uniti d'America, Dubai e Singapore. Dal 1989 a oggi Arper ne ha fatta di strada. La realtà artigianale di Luigi Feltrin, attuale presidente, è diventata industria grazie alle intuizioni del fondatore e alla volontà di innovazione dei figli, Mauro e Claudio. Dalle sedie in cuoio degli inizi, si è passati a tavoli e sedute di design apprezzati in tutto il mondo.

Arper, il grande design del Triveneto che è riuscito a conquistare tutto il mondo

1 di 16
© ufficio-stampa  | Bardi’s Bowl Chair© ufficio-stampa  | Bardi’s Bowl Chair© ufficio-stampa  | Bardi’s Bowl Chair© ufficio-stampa  | Bardi’s Bowl Chair

© ufficio-stampa | Bardi’s Bowl Chair

© ufficio-stampa | Bardi’s Bowl Chair

Arper ha oggi showroom monomarca a Milano, Londra, Colonia, Stoccolma, Amsterdam, Oslo, Copenhagen, New York, Chicago e Dubai. Tra i designer di fama internazionale che hanno apposto la propria firma sui prodotti dell'azienda di Monastier, in provincia di Treviso, possiamo trovare Jean-Marie Massaud, Simon Pengelly, Ichiro Iwasaki, James Irvine, Antti Kotilainen e Rodolfo Dordoni.

E c'è un prodotto che, forse più di tutti gli altri, sintetizza la passione e la lungimiranza che stanno dietro il successo di questa realtà: è Catifa, collezione di sedute declinata in 5 diverse versioni che, dal 2001, è stata venduta in oltre un milione di pezzi. E' stata realizzata dallo studio di Barcellona Lievore Altherr Molina, guidato da Alberto Lievore, realtà con cui Arper ancora oggi collabora attivamente.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri