FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Panama papers, lʼAgenzia delle entrate chiede chiarimenti a 700 italiani

Le richieste inviate ai Paesi nei quali sono detenuti i conti. Il numero di connazionali sotto osservazione è destinato a crescere

Panama papers, l'Agenzia delle entrate chiede chiarimenti a 700 italiani

Finora sono 700 gli italiani coinvolti nelle indagini sui Panama papers ai quali l'Agenzia delle entrate ha inviato una richiesta di chiarimenti. Il dato è emerso dalla riunione, a Parigi, della task force che indaga sulla maxi lista di soggetti e società che hanno trasferito fondi offshore. Al vertice hanno partecipato 30 amministrazioni finanziarie.

Panama Papers, 700 italiani nel mirino del Fisco

Le richieste di informazioni sono state inviate ai Paesi dove i soggetti italiani presenti nella lista detengono conti o risorse, e il numero di 700, finora emerso, è destinato a crescere.

Il meeting parigino era il terzo del gruppo JITSIC (Joint International Taskforce on Shared Intelligence and Collaboration). Le 30 amministrazioni finanziarie hanno condiviso le loro conclusioni sulle indagini dei Panama Papers, in particolare sul ruolo degli intermediari fiscali, inclusi istituzioni finanziarie, consulenti, avvocati e commercialisti, che hanno favorito l'evasione e l'elusione fiscale.

Rispetto alla riunione precedente, sottolinea l'Agenzia delle Entrate, "sono stati raggiunti significativi risultati ,incluso lo sviluppo di approcci omogenei per richiedere le informazioni tra i partner dei trattati) ed è stata approfondita la conoscenza delle varie tipologie di evasione fiscale messe a punto dagli intermediari fiscali e delle nuove tecniche di analisi dei dati.

Progressi importanti sono stati ottenuti anche per l'attività di compliance, con oltre 1700 controlli e verifiche effettuati sui contribuenti, più di 2550 richieste di informazioni e l'individuazione di una lista target di 100 intermediari.

Durante il vertiche è emerso che un cospicuo numero di contribuenti si è fatto avanti spontaneamente per dichiarare al Fisco le proprie operazioni offshore. Questo incontro si è concentrato sulla figura degli intermediari, con gli Stati membri che hanno messo in comune le prove sui soggetti chiave grazie agli sforzi realizzati come per esempio l'analisi dei dati, la procedura di collaborazione volontaria, i contraddittori con i contribuenti e la documentazione a disposizione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali