FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ocse: "Il reddito di cittadinanza è un rischio per il ʼneroʼ, abrogare Quota 100" | Luigi Di Maio: "Non si intrometta"

Sulle pensioni lʼOrganismo internazionale osserva che "lʼabbassamento dellʼetà pensionabile rallenterà la crescita e può aumentare la diseguaglianza tra generazioni". Tria: "Si evitano abusi"

Ocse: "Il reddito di cittadinanza è un rischio per il 'nero', abrogare Quota 100" | Luigi Di Maio: "Non si intrometta"

L'Ocse avvisa l'Italia sui possibili pericoli del reddito di cittadinanza. "Rischia di incoraggiare l'occupazione in 'nero' e di creare trappole di povertà", si legge nel "Rapporto economico" sul nostro Paese. L'organizzazione internazionale mette in guardia anche su Quota 100: "L'abbassamento dell'età pensionabile rallenterà la crescita e, se non applicata in modo equo, aumenterà diseguaglianza intergenerazionale e debito pubblico", spiega.

I suggerimenti dell'Ocse sui centri d'impiego - Sul reddito l'Ocse dà alcuni suggerimenti al governo che dovrebbe "attuare un programma pluriennale per rinnovare i centri per l'impiego basato sull'applicazione di standard di servizio essenziali e investimenti più cospicui in sistemi informatici, strumenti di profilazione e risorse umane".  Poi invita l'Italia a "garantire la capacità di amministrare il reddito di cittadinanza sfruttando e rafforzando, ove necessario, i servizi di assistenza sociale dei comuni e creando una stretta collaborazione tra questi ultimi e centri per l'impiego".

"Abbassare il cuneo fiscale" - Nel "Rapporto economico" osserva ancora come per la crescita sia necessario incentivare la riduzione del "cuneo fiscale per i lavoratori a basso reddito" e spingere "la partecipazione del secondo coniuge alla vita attiva attraverso la diminuzione dei contributi sociali a carico del datore di lavoro e mediante riforme fiscali e previdenziali, mantenendo però la progressività del sistema d'imposizione".

"Pil subirà una contrazione nel 2019" - Negli ultimi anni l'Italia ha registrato una "ripresa modesta" che ora "si sta indebolendo" tanto che nel 2019 "il Pil dovrebbe registrare una contrazione dello 0,2% e un aumento dello 0,5% nel 2020. La politica di bilancio espansiva e una debole crescita faranno lievitare il disavanzo delle finanze pubbliche, che passerà dal 2,1% del Pil nel 2018 al 2,5% nel 2019" mentre il debito salirà al 134%.

Gurria: "A l'Italia serve programma pluriennale" - L'Italia "continua ad affrontare significativi problemi in campo economico e sociale" e "per risolverli è necessario adottare una serie di riforme pluriennali per favorire una crescita più solida e inclusiva e ripristinare la fiducia nella capacità di riforma". Lo ha detto il segretario generale dell'Ocse, Angel Gurria, alla presentazione del "Rapporto economico".

Tria corregge l'Ocse: "Reddito legato al lavoro, si evitano abusi" - Il reddito di cittadinanza "è concepito con il duplice intento di consentire" a chi è "a rischio emarginazione di entrare nel mercato lavoro e, come conseguenza, di aumentare la propensione al consumo e irrobustire la domanda interna". Lo ha affermato il ministro dell'Economia Giovanni Tria alla presentazione del Rapporto Ocse correggendo così l'osservazione dell'Organismo che quindi userebbe una lente sbagliata. "Il meccanismo di condizionalità" legato al "coinvolgimento attivo in percorsi lavorativi consente di evitare eventuali abusi", il sussidio "rappresenta una attivazione di forza lavoro potenziale e non solo uno strumento assistenziale".

Su Quota 100, Tria spiega che "serve ad affrontare un problema di transizione" collegato alla riforma delle pensioni "di alcuni anni fa fatta per dare stabilità e sostenibilità al sistema pensionistico". Il problema di transizione è che "si è determinata, specie nel breve termine, un'interruzione di quel turnover naturale della forza lavoro".

Sula contrazione dell'economia nel 2019 il titolare del dicastero dell'Economia replica: "C'è stata una rapida correzione delle stime che ci accomuna alla Germania, perché siamo i due Paesi più aperti al commercio internazionale anche se l'Italia è un'economia più fragile" e quindi con un impatto maggiore della frenata generale dell'economia. "Per questo stiamo approvando misure per contenere questo rallentamento e mantenerci in una area di crescita positiva".

Di Maio bacchetta l'Organismo internazionale: "Non si intrometta" - Più duro il commento del vicepremier Luigi Di Maio. "Rispetto l'opinione di tutti, ma quando non perdi occasione per sparare contro il mio Paese e contro gli italiani no, mi dispiace, ma questo non lo accetto", ha attaccato Di Maio. "No intromissioni, grazie. Sappiamo quello che stiamo facendo!", ha ribadito annunciando che i prossimi passi del governo saranno "un abbassamento del carico fiscale alle imprese e un grande aiuto alle famiglie".

Conte: "Forte dissenso, sottostimati effetti positivi Manovra" - "Le previsioni dell'Ocse sulla crescita sono tra le più pessimiste: sottostimano completamente l'effetto positivo sul Pil delle misure espansive che abbiamo introdotto con la legge di bilancio". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, annunciando che ribadirà il suo "forte dissenso sulle stime". Sui dati è intervenuto anche il vicepremier Matteo Salvini: "Mi scivolano proprio addosso", ha commentato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali