FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Nomisma: a luglio un nuovo caro-bollette, luce +17%, gas +27%

Su base annua, la bolletta elettrica costerà alla famiglia-tipo 194,4 euro in più, e quella del gas addirittura 462 euro in più

Le bollette della luce, secondo le stime di Nomisma energia, dovrebbero aumentare dal primo luglio del 17%, e quelle del gas di ben il 27%, a causa "dell'esplosione dei prezzi sui mercati internazionali" dopo il taglio della fornitura di gas russo alla Germania e all'Italia.

Intanto accelerano gli stoccaggi di gas: secondo le stime indicate da Snam per domenica 26 giugno, dei 218,88 milioni di metri cubi di metano in arrivo ben, 98,02 milioni sono destinati agli stoccaggi, pari a quasi il 45% del totale.

I calcoli spetteranno comunque ufficialmente all'Autorità per l'energia, che renderà note le nuove tariffe riservate al mercato tutelato la prossima settimana, entro il 30 giugno.


 



 


Se, come probabile, ci saranno, i rincari scatteranno a partire dal primo luglio e saranno validi per tutto il terzo trimestre dell'anno. Dopo tre mesi di prezzi calmierati, con il calo del 10% disposto per il periodo aprile-giugno, si tornerà quindi a un trend di crescita, nonostante il governo abbia mantenuto in vigore, con il decreto di mercoledì scorso, l'azzeramento degli oneri di sistema diventato ormai praticamente imprescindibile.


 


Secondo Nomisma si tratterà di un aumento importante, con un balzo della bolletta elettrica del 17% a 48,5 centesimi a kWh che, per la famiglia
tipo che consuma 2.700 kWh all'anno, implica una maggiore spesa, su base annuale, di 194,4 euro. Ancora peggiore l'incremento per la bolletta del gas, la cui tariffa dovrebbe rimbalzare del 27% a 1,57 euro per metro cubo, con una maggiore spesa della famiglia-tipo, che consuma 1.400 metri cubi l'anno, di 462 euro su base annua.


 


I prezzi di gas ed elettricità sui mercati internazionali sono esplosi dopo la decisione della Russia di metà giugno di tagliare le forniture alla Germania e all'Italia. Alla fine di maggio il prezzo della materia prima ad Amsterdam viaggiava sotto i 90 euro a Megawattora. Il 16 di questo mese si sono toccati i 142 euro e questa settimana il prezzo ha ondeggiato sui 130 euro. Andamento simile per l'elettricità che alla Borsa elettrica del Gme è arrivata la scorsa settimana a 262 euro al Megawatt. Aumenti all'ingrosso che inevitabilmente si riverberano con un certo automatismo anche su quelli al dettaglio.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali