FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manovra, aumenta la pressione fiscale: tasse per imprese e consumatori

Secondo lʼUfficio parlamentare di bilancio, lʼanno prossimo ci sarà un extra gettito per lo Stato di otto miliardi di euro

La pressione fiscale salirà dello 0,8% in tre anni, passando dal 42% attuale al 42,8% nel 2020 e al 42,5% nel 2021. Lo ha riferito l'Ufficio parlamentare di bilancio, parlando delle misure tributarie contenute nella Manovra. Il carico verrà ripartito tra i "bersagli" dichiarati dal governo (banche, assicurazioni), ma anche tra imprese e consumatori. Secondo le stime, l'anno prossimo ci sarà un extra gettito per lo Stato di otto miliardi di euro.

Le misure tributarie contenute nella Manovra

Entrate tributarie: +13 miliardi in tre anni - Nell'arco di un triennio sfiorerà i 13 miliardi di euro l'ammontare dei proventi delle misure di carattere fiscale contenute nella legge di bilancio del governo M5s-Lega. A stimarlo è l'ufficio studi del Consiglio nazionale dei commercialisti che calcola, dal punto di vista della pressione delle imposte, un saldo netto di 12,9 miliardi di maggiori entrate tributarie nel periodo 2019-2021. Importi sui quali, però, precisano i professionisti, pesa "l'incognita della tassazione locale".

Sanatori, contribuenti infedeli, saldo e stralcio - Nel dettaglio, è previsto che affluiscano nelle casse statali 7,3 miliardi di maggiori entrate, a seguito delle "sanatorie" concesse ai contribuenti "infedeli" che utilizzeranno una delle numerose forme di regolarizzazione agevolata contemplate nel Decreto fiscale e il provvedimento di cosiddetto "saldo e stralcio" inserito della Manovra, nonché da imprese e persone fisiche che sceglieranno (volontariamente) di avvalersi di regimi opzionali di rivalutazione, o estromissione fiscale dei beni.

Le vere e proprie tasse aggiuntive permetteranno, si legge nell'analisi, di ricavare 12,4 miliardi, e saranno applicate su "banche e assicurazioni (5,6 miliardi), su imprese in generale (2,4 miliardi), nel settore del gioco d'azzardo (2,1 miliardi), sui grandi gruppi dell'economia digitale (1,3 miliardi), sui consumatori (0,6 miliardi) e sugli Enti del no-profit (0,4 miliardi)".

Le note positive - A seguire, mettono nero su bianco i professionisti, 6,8 miliardi di euro saranno le "note positive di riduzione del prelievo fiscale, concentrate essenzialmente sulle partite Iva individuali (-4,8 miliardi) e sul settore immobiliare, dell'edilizia e degli interventi sulla casa in generale (-1,8 miliardi), cui si aggiungono alcuni capitoli marginali (-0,2 miliardi)".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali