FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: diminuisce il numero delle persone in grave povertà

Si passa dal 12,3% del 2013 allʼ11,6% del 2014, il minimo dal 2011. Tuttavia un italiano su quattro è a rischio esclusione sociale

Istat: diminuisce il numero delle persone in grave povertà

Per il secondo anno consecutivo diminuiscono le persone "gravemente deprivate". Lo afferma l'Istat, secondo cui si passa dal 12,3% del 2013 all'11,6% del 2014, il minimo dal 2011. Diminuiscono le persone che non possono permettersi un pasto proteico ogni due giorni (dal 13,9% al 12,6%), una settimana di ferie (dal 51,0% al 49,5%) o una spesa imprevista di 800 euro. Nel 2014, oltre una persona su quattro in Italia è comunque a rischio povertà.

Le persone a cosiddetto rischio di esclusione sociale nel 2014, sono il 28,3% della popolazione, secondo la stima dell'Istat: un dato stabile rispetto al 2013. In particolare il 19,4% è a rischio povertà, l'11,6% vive in famiglie gravemente deprivate e il 12,1% in famiglie a bassa intensità lavorativa.

Il rischio di povertà o esclusione sociale migliora leggermente anche nel Mezzogiorno: l'Istat stima che siano a rischio il 46,4% delle persone nel 2014, mentre nel 2013 erano il 48%. Resta profonda la distanza dal Nord Italia, dove la quota cala al 17,3% della popolazione, e dal Centro (22,8%). Inoltre il reddito mediano al Sud si attesta a un livello del 17% inferiore rispetto al dato nazionale, 20.188 euro l'anno (circa 1.682 euro al mese).

Una famiglia su due in Italia percepisce un reddito netto non superiore a 2.026 euro nel 2013: l'Istat rileva infatti un reddito mediano di 24.310 euro l'anno. Il reddito mediano più alto è al Nord (27.089 euro), mentre al Sud il livello è pari al 75% di quello settentrionale e al Centro e' pari al 95%. Risultano più ricche le famiglie con redditi principali da lavoro dipendente (29.527 euro) rispetto a quelle con reddito da lavoro autonomo (28.460 euro) o con pensioni o altri trasferimenti pubblici (19.441 euro).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali