FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Imprese: una su cinque è guidata da una donna

Lʼauto-imprenditorialità rappresenta una via da seguire per molte donne in un mercato del lavoro caratterizzato da una scarsa partecipazione della componente femminile

Imprese: una su cinque è guidata da una donna

Il mercato del lavoro italiano è caratterizzato da una platea degli occupati – nel suo ultimo report diffuso a settembre, l'ISTAT ne ha contati 22,8 milioni (dati provvisori) – ancora numericamente esigua.

La crisi economica ha inciso parecchio: pur avendo raggiunto a settembre il 57,5% (il livello più alto dal giugno del 2009), il tasso di occupazione – ovvero il rapporto tra chi ha un impiego e la popolazione di età compresa tra i 15 e i 64 anni – rimane ancora lontano dai livelli precedenti alla crisi, quando raggiungeva il 58,8%.

Tuttavia alcuni analisti osservano che una delle principali debolezze del mercato del lavoro italiano è rappresentata dalla scarsa partecipazione della componente femminile: a settembre il tasso di occupazione tra le donne ha toccato il 48,2% – il livello più elevato dal 2004 –, ma resta ancora al di sotto del 66,9% registrato tra i maschi.

Tante donne hanno tentato così la via dell'auto-imprenditorialità. Un percorso seguito da un numero crescente di lavoratrici: l'ultimo Osservatorio dell'Imprenditoria femminile di Unioncamere-InfoCamere – i dati sono aggiornati al 30 settembre 2016 – certifica che il numero delle attività guidate da una donna è in continua crescita.

Ad oggi le imprese femminili sono oltre 1,3 milioni, pari al 21,74% delle aziende registrate in Italia. La maggior parte delle imprenditrici decide di aprire un attività nel settore terziario, dove opera il 65,7% (870mila unità circa) del totale delle imprese femminili e nel settore primario (agricoltura, silvicoltura e pesca), in cui si concentra quasi il 16,5% delle imprese femminili (circa 218 mila).

Il Rapporto ImpresaInGenere, realizzato da Unioncamere con la collaborazione del ministero dello Sviluppo economico e della presidenza del Consiglio dei ministri-Dipartimento Pari Opportunità, sottolinea che nel 2015 le imprese femminili erano 35mila in più rispetto al 2010 e che il loro aumento rappresenta il 65% dell’incremento complessivo dell'intero tessuto imprenditoriale italiano (+53mila imprese) nello stesso periodo.

Dunque le imprenditrici italiane sono state più dinamiche rispetto ai loro colleghi maschi: tra le prime, il tasso di crescita tra il 2010 e il 2015 è stato del 3,1% in più contro lo 0,5% registrato tra le imprese maschili.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali