FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Forum di Davos, lʼFmi taglia allo 0,6% la crescita del Pil in Italia | Salvini: "Fmi vera minaccia per lʼeconomia"

Il Fondo monetario internazionale inserisce la situazione economica del nostro Paese, assieme alla Brexit, tra i principali fattori di rischio globali. Di Maio: "Non ci scoraggia, indietro non si torna"

Il Fondo monetario internazionale taglia allo 0,6% (dall'1% di ottobre) le previsioni di crescita per l'Italia nel 2019 e inserisce la situazione finanziaria del nostro Paese, insieme alla Brexit, tra i principali fattori di rischio globali. E' quanto emerge dal Forum economico mondiale di Davos, dove gli esperti hanno definito una "minaccia" il "costoso intreccio tra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia".

La frenata dell'Italia e i fattori di rischio - L'Italia, dunque, è indicata, assieme alla Germania, come uno dei fattori la cui frenata a fine 2018 ha fatto rivedere in peggio le stime di crescita per l'Eurozona e comportato un calo dell'euro del 2% fra ottobre e gennaio. Ma non solo: la situazione economica di Roma è al primo punto fra i principali fattori di rischio globali. "In Europa continua la suspence su Brexit, e il costoso intreccio fra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia rimane una minaccia", si legge nella versione aggiornata del World Economic Outlook.

L'ira di Salvini e Di Maio - Matteo Salvini, però, non ci sta. "Italia minaccia e rischio per l'economia globale? Piuttosto è il Fmi che è una minaccia per l'economia mondiale, una storia di ricette economiche coronata da previsioni errate, pochi successi e molti disastri", ha detto il ministro dell'Interno commentando le stime del Fondo monetario. Gli fa eco Luigi Di Maio, che ribadisce: "Non arretriamo di fronte a chi addirittura definisce l'Italia una delle cause della recessione economica. Non lo possiamo accettare. Se pensano che con qualche dato possano scoraggiarci si sbagliano: indietro non si torna". Per il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, il rischio non viene dall'Italia, ma dalle "politiche consigliate dal Fmi".

Le previsioni di crescita - Il Fondo monetario mantiene una previsione di crescita per gli Stati Uniti del 2,5% quest'anno e dell'1,8% il prossimo. Per quanto riguarda l'Eurozona, invece, le attese vengono portate, per il 2019, a 1,6% (da 1,9%) mentre per il 2020 viene mantenuto il 2,7%. Per quanto riguarda la situazione degli Usa, la crescita "è attesa in calo" con il venir meno dello stimolo fiscale e con i tassi Fed in rialzo, ma è di fatto sostenuta da una "forte domanda interna". Nell'Eurozona a pesare sono, appunto, la frenata del Pil italiano e tedesco (1,3% per il 2019) e quella della Francia (1,5%) fra le proteste dei gilet gialli.

Meno crescita dell'economia globale - In sostanza, il quadro delineato dall'aggiornamento del World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale presentato prima del via al Forum economico mondiale, prevede meno crescita per l'economia globale nel 2019 e 2020, e maggiori incognite fra cui una possibile escalation nello scontro Cina-Usa sui dazi e un "atterraggio duro" dell'economia cinese. Le nuove stime del Fmi prevedono una crescita globale del 3,7% nel 2018, come tre mesi fa, ma peggiorano il 2019 (3,5% da 3,7%) e il 2020 (3,6% da 3,7%).

Lagarde: "Recessione vicina? No" - Anche Christine Lagarde sottolinea fattori di rischio globali con l'economia che si trova a fronteggiare "rischi significativamente più alti, alcuni dovuti alle politiche" intraprese dai governi. Tuttavia, il direttore generale del Fmi smentisce che una recessione globale possa essere vicina. "Come nello sci è desiderabile avere visibilità, una leggera discesa, stabilità, pochi rischi e pericoli", ha detto. Invece oggi sciare "è diventato più impegnativo", ha concluso la Lagarde invitando comunque le autorità a "tenersi pronte se i rischi dovessero materializzarsi".

Pil Italia: le stime di crescita di governo, Fmi, Bankitalia

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali