FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Bonus bebè al palo: manca il decreto attuativo ed è caos per il nuovo Isee

Bonus bebè al palo: manca il decreto attuativo ed è caos per il nuovo Isee

I genitori con reddito basso non possono ancora accedere agli 80 euro di sostegno promossi dal Governo Renzi con la Legge di Stabilità

- La legge di Stabilità prometteva un supporto concreto alla maternità: un bonus di 80 euro al mese e di durata triennale per ogni figlio nato tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. Unico requisito per usufruire dell'assegno, un reddito non superiore ai 25mila euro annui. Nessuno dei 50 mila bambini già nati in Italia dall'inizio del 2015 a oggi, ha potuto finora incassare l'aiuto. Due i motivi della paralisi: la mancata promulgazione dei decreti attuativi, attesi entro gennaio ma non ancora varati dal Governo, e le difficoltà nell'usare il nuovo Isee, l'indicatore di situazione economica equivalente richiesto come parametro per l'ammissione delle famiglie al beneficio.

Chi ne ha diritto - A beneficiare degli 80 euro sono soltanto i nuclei familiari con un reddito non superiore ai 25mila euro annuali. Il bonus raddoppia a 160 euro per i genitori che non sforano il tetto dei 7mila euro. Il Governo ha stimato che gli aventi diritto saranno 330mila l'anno (su un totale dei 500mila che in media nascono nel nostro paese), ma probabilmente saranno meno gli idonei. Tra i 330mila, circa 85mila potranno accedere al bonus maxi da 160 euro.

Chi lo eroga - L'Inps deve raccogliere le domande e provvedere all'erogazione dell'assegno, ma senza decreto attuativo l'ente ha le mani legate.

I decreti attuativi - La norma che doveva rendere esecutivo il bonus era prevista entro il 31 gennaio ma non è stata varata nei tempi previsti dai ministeri del Lavoro e delle politiche sociali, della Salute e dell'Economia. Da Palazzo Chigi fanno sapere che arriverà a giorni e che conterrà il modulo per fare richiesta e le effettive modalità di pagamento.

Caos Isee - Dal 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo indicatore economico che consente l'accesso alle prestazioni sociali. Nella versione rinnovata, l'Isee includerà i redditi lavorativi, ma attribuirà un peso maggiore alla componente patrimoniale e soprattutto immobiliare. In più, dovranno essere dichiarate anche le giacenze medie sul conto corrente, un dato che le banche non sono ancora capaci di esprimere.

Altri aiuti alle famiglie - Il bonus bebè non è l'unico aiuto alle famiglie. Esiste anche un assegno al nucleo familiare per i lavoratori diepndenti (Anf), un assegno erogato dai Comuni, le detrazioni Ipef per i figli a carico, il bonus una tantum riconosciuto da alcune Regioni e infine, l'assegno alla maternità per le lavoratrici non occupate. I genitori insomma, possono accedere sì a misure sociali ma devono districarsi tra amministrazioni differenti che richiedono moduli e requisiti differenti.

Quanto costa allo Stato - Per coprire il bonus bebè, il Governo stima di spendere 202 milioni di euro per il 2015, 607 per l'anno prossimo, 1 miliardo per il 2017 e il 2018, 607 milioni per il 2019 e 2002 per il 2020.

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Bonus bebè
Legge di stabilità
80 euro