FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Germania, è morto lo storico revisionista Ernst Nolte: fu criticato per le sue teorie sullʼOlocausto

Lo studioso ha sempre sostenuto che il nazismo fosse solo una reazione alla minaccia rappresentata dal bolscevismo. Dal 1986 fu oggetto di forti critiche da molti colleghi

Germania, è morto lo storico revisionista Ernst Nolte: fu criticato per le sue teorie sull'Olocausto

E' morto a 93 anni lo storico e filosofo tedesco Ernst Nolte, uno tra i più controversi studiosi del Novecento. Noto per le sue posizioni revisioniste, l'uomo è deceduto "dopo una breve malattia - spiega la famiglia - ed era ricoverato in una clinica di Berlino". Nolte si è occupato dei grandi fenomeni ideologici e totalitari del ventesimo secolo, ossia del nazismo, bolscevismo e fascismo.

Nato nel 1923 e allievo del filosofo Heidegger, nel 1986 lo storico ha scatenato il cosiddetto "Historikerstreit", una discussione tra storici su cosa avesse significato davvero l'Olocausto per la storia tedesca. In quell'anno Nolte ha pubblicato "Il passato che non vuole passare", un saggio fortemente contestato: la sua teoria era che Adolf Hitler e il nazismo fossero solo una reazione alla "minaccia esistenziale" che la rivoluzione russa incarnava per la Germania. Per lo storico, dunque, il nazionalsocialismo è stato solo una conseguenza del precedente bolscevismo.

Nolte, fino alla pensione, è stato professore di storia contemporanea alla Freie Universitaet di Berlino. Più volte contestato da universitari e da studiosi, ha anche ricevuto le aspre critiche del filosofo Juergen Habermas, che lo ha accusato di portare avanti tesi apologetiche del nazionalsocialismo. Nolte era convinto che ci fosse una causalità tra gulag sovietici e campi di concentramento nazisti, poiché i primi provocarono i secondi. Anche l'Olocausto, dunque, andava letto come una reazione alla "Rivoluzione di ottobre" russa che si concluse con la vittoria dei bolscevichi e la caduta degli zar.

Le critiche nei suoi confronti sono diventate ancora più aspre quando si è opposto all'inasprimento delle pene per coloro che negavano l'esistenza dell'Olocausto. Molti studiosi, dunque, hanno considerato le tesi di Nolte come una "giustificazione" al genocidio degli ebrei e come "revisionismo" dell'opera criminale condotta dalla 'lucida follia' di Hitler.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali