TERRAZZE D'ESTATE

Ristoranti d’Italia per mangiare vista mare

L’estate è arrivata e con lei la voglia di mangiare all’aperto: ecco una selezione di ristoranti dalle terrazze e dehors meravigliosi

27 Giu 2024 - 07:00
1 di 9
© Ufficio stampa  | Attico sul Mare© Ufficio stampa  | Attico sul Mare© Ufficio stampa  | Attico sul Mare© Ufficio stampa  | Attico sul Mare

© Ufficio stampa | Attico sul Mare

© Ufficio stampa | Attico sul Mare

Sole, caldo e voglia di mangiare all’aperto, possibilmente con una bella vista sul mare. Ecco, dunque, una selezione di ristoranti d’Italia, dalla Liguria alla Sicilia, che propongono una buona cucina, ottimi drinks e terrazze e dehor con viste mare mozzafiato.

La Taskita, il ristorante non convenzionale nella baia di Alassio

A La Taskita si respira la bellezza naturale della baia di Alassio. Un ambiente accogliente, con tavoli interni ed esterni vista mare, che si distingue per la sua ricerca incessante di ingredienti e nuove tecniche ideate da Roby e Bry, fondatori del locale. Qui il concetto di sharing è protagonista, ma il nuovo menù si concentra anche su creazioni che sfidano le convenzioni gastronomiche, superando la classica distinzione tra antipasto, primo e secondo. Tra le proposte iniziali, ci sono piatti come la Croqueta di pancetta iberica croccante con delicata maionese alla paprika e il Waffle di Pandebono, dove la tenerezza della tartare di fassona si sposa con la maionese di aji rocoto, le pere fermentate e le note aromatiche del tartufo nero. Per i palati in cerca di avventure più speziate c’è il Chicken satay, con i suoi spiedini di pollo marinati al latte di cocco e curry rosso o il Ceviche di ricciola, con leche de tigre al rabarbaro e purea di patate dolci.

L'estate pop del Grand Hotel Alassio Beach & SPA Resort

Parte della prestigiosa collezione de The Leading Hotels of the World, il GHA si prepara alla nuova stagione sulla Riviera di Ponente. Il 18.97 Bistrot Contemporaneo & Pizzeria Napoletana e il Gazebo Restaurant, da poco insigniti dei prestigiosi riconoscimenti del Gambero Rosso, sono pronti ad accogliere gli ospiti per due attese rassegne gastronomiche estive: "I Maestri della Pizza", in cui le eccellenze della pizza italiana si confrontano con la tradizione napoletana, e "Sotto un cielo di stelle", l'opportunità per gustare la cucina fine dining di famosi chef italiani nella cornice del GHA. Il tutto all’insegna della splendida vista sul mare del Mar Ligure.

Attico sul Mare, immerso nella cornice della Riviera delle Palme

Lungo il perimetro costiero delle Marche sorge Grottammare, paese che si affaccia direttamente sul Mare Adriatico. A due passi dalla distesa marina sorge Palazzo Kursaal, un elegante edificio in stile liberty al cui interno è inserito il ristorante gestito dai due fratelli Sara e Simone Marconi. In cucina c’è lo chef d’esperienza Tommaso Melzi, che unisce proposte tradizionali a tocchi innovativi, utilizzando carne selezionata, vegetali auto-prodotti e pescato fresco. Oltre al panorama mozzafiato dell’Adriatico, ammirabile dalle ampie vetrate lungo le pareti, imperdibile è l’esclusiva e suggestiva Torretta, un terrazzo affacciato sul mare, che, posto al piano più alto del Palazzo, regala una vista imperdibile sulla Riviera delle Palme.

Brezza, il fish & di Luca Abbruzzino

Nasce da un’idea semplice il fish & cocktail bar dello chef Luca Abruzzino, una Stella Michelin al ristorante Abbruzzino di Catanzaro, ossia creare un posto adatto a tutti, in cui mangiare ottimo pesce fresco in compagnia, sulle rive del lungomare di Soverato. Brezza fish & chill richiama le onde, la brezza che ci accarezza seduti a uno dei tavoli del dehor fronte mare, in un’atmosfera rilassante dai colori sabbia, rosa corallo e azzurro del mare. La cucina si basa sulla stagionalità degli ingredienti, sul rispetto delle materie prime e su piatti semplici ma d’impatto, come il Lobster Roll alla calabrese, il Panino all’olio con tartare di tonno, stracciatella, pomodoro ed emulsione di basilico, i crudi di gambero rosso e ostriche o le fritture di paranza e di baccalà in tempura. 

Eden, mangiare in riva al mare a Peschici

A Peschici, la perla bianca nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, sorge Eden, il luogo perfetto per chi desidera vivere l’esperienza di mangiare in riva al mare, con i piedi fra la sabbia e avvolti dai profumi della brezza marina. I protagonisti dei piatti sono il pescato del giorno, i prodotti locali e le ricette della tradizione, realizzati dallo chef e patron Angelo Costante. Dall’ostrica di San Michele alla Mazzancolla cruda con bisque di mazzancolla, patate e carciofi, dal Raviolo ripieno di patate e canocchia con fondo di canocchia, ricci di mare e chips di lampascioni fino al Cefalo “spaccato” alla brace, ogni portata scelta è un racconto del territorio, in un gioco tra gli ingredienti studiati in molteplici combinazioni di sapori.

Cortile Arabo, immerso a 360 gradi nel mare

A Marzamemi, a due passi dalla punta orientale della costa siciliana, sorge Cortile Arabo, un ristorante in cui il mare giunge fino in prossimità dei tavoli, per un’immersione a 360 gradi tra odori e colori della distesa marina. La cucina, guidata dallo chef Massimo Giaquinta, si caratterizza per un’offerta con prodotti del territorio, con un’idea di cucina elegante e saporita in cui spicca il pescato fresco del Mediterraneo. Ciò che colpisce l’ospite è lo spettacolo del mare, avvertibile in prima persona dai tavoli che occupano lo spazio esterno, situati a due passi dagli scogli su cui si infrangono le onde mediterranee. È possibile godere di questa vista mozzafiato anche nel Cortiletto, lo spazio adibito alla champagneria e adornato da comodi divanetti, da cui ammirare la cornice naturale circostante.

Capofaro Locanda & Malvasia, l’antico faro sotto dell’isola di Salina

Un faro dell'Ottocento da cui poter osservare il mare e l'immensità della Via Lattea, grazie al progetto di recupero filologico di MAB Arquitectura. Si trova nel cuore dell’isola di Salina il Capofaro Locanda & Malvasia della famiglia Tasca d’Almerita, uno dei wine retreat più esclusivi del Mediterraneo che ha ottenuto la prestigiosa certificazione “I cieli più belli d’Italia” da Astronomitaly. Il ristorante di Capofaro è un vero e proprio viaggio nel cuore della cucina siciliana, dove ritrovare sapori e profumi del sole, del mare e della terra vulcanica di Salina. La chef Patrizia Di Benedetto e la sua brigata interpretano la passione dei Tasca d’Almerita per la buona cucina, una storia gastronomica profonda e ricchissima che unisce la lezione dei “monsù” (cuochi delle case aristocratiche siciliane e napoletane) e i saperi contadini degli antichi feudi siciliani. Un percorso di gusto e di etica che passa dal concetto di “chilometro corto”: un sistema di orti della tenuta fornisce la gran parte degli ingredienti usati in cucina.

La Spigola, nel cuore di Golfo Aranci

Sorge in una delle spiagge più affascinanti della Costa Smeralda il ristorante La Spigola, che incanta gli ospiti con tavoli sul mare, raffinati arredi di artigianato locale e un menù a base di pesce freschissimo, acquistato ogni mattina direttamente dai pescatori. A tenere le redini di questa perla gastronomica sarda è lo chef Roberto Pisano, Ambasciatore del Gusto 2024, che vanta una profonda conoscenza del mondo ittico, una forte attenzione alla sostenibilità e un amore sconfinato per il territorio circostante. I suoi piatti si basano sulla circolarità e sulla stagionalità della materia ittica del Mar Mediterraneo. Tra le proposte dello chef da non perdere, ci sono il Tortello realizzato con 30 tuorli d’uovo e ripieno di stracchino di pecora e bietole, con salsa bagna cauda e il Risotto con gelato di borragine.

Izè Restaurant, l’eleganza a filo d’acqua

Chiudiamo con un ristorante che non si affaccia sul mare, bensì sul lago. È il nuovo ristorante dell’Hotel Araba Fenice di Iseo, con un terrazzino a filo d’acqua che si affaccia sul Lago d’Iseo. Guidato dallo chef napoletano Carlo Spina, già Stella Michelin con il ristorante Veritas di Napoli, e dal Direttore Dario Corintio, Izé Restaurant offre una cucina contemporanea che celebra le radici mediterranee dello chef abilmente mescolate con gli ingredienti del territorio bresciano, come ad esempio nel piatto Un tuffo nel Blu, un crudo di pesce di mare e di lago d’autore. Accanto al pescato di mare, ai limoni e al caciocavallo podolico, trovano ampio spazio ingredienti locali come pesci d’acqua dolce, nervetti e funghi. La filosofia culinaria è semplice, ma significativa: esaltare il sapore autentico delle materie prime, creando un'esperienza gustativa indimenticabile.

Di Indira Fassioni

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri