FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strozzapreti con cavolo nero e pancetta

Strozzapreti con cavolo nero e pancetta
  • DIFFICOLTA facile
  • PREPARAZIONE 30'
  • PORZIONI 4 persone

Gli strozzapreti con cavolo nero e pancetta sono un primo piatto facile e gustoso realizzato con gli strozzapreti insaporiti da un condimento piccante a base di cavolo nero e pancetta. Questo gustoso e originale formato di pasta viene esaltato dalla delicatezza del cavolo nero, con un sapore deciso grazie alla pancetta e al peperoncino. Si tratta di un primo piatto molto semplice, dovrete solo controllare bene la cottura del cavolo nero affinché sia tenero!

INGREDIENTI

  • cavolo nero un  mazzo
  • olio di oliva 4  cucchiai
  • pancetta a cubetti o listarelle 150  g
  • aglio 2  spicchi
  • peperoncino piccante un
  • strozzapreti 350  g
  • acqua bollente q.b.
  • sale q.b.
  • parmigiano grattugiato 50  g

PROCEDIMENTO

Pulite e mondate il cavolo nero: eliminate con un coltello tutta la costa centrale, la parte più dura che comprende il gambo e raggiunge la sommità della foglia. Lavatelo bene e tagliatelo grossolanamente al coltello.

Soffriggete l'aglio e il peperoncino nell'olio, fatevi rosolare per qualche istante quindi la pancetta a cubetti.

Aggiungete quindi il cavolo nero, mescolate bene per farlo appassire. A questo punto, coprite con il coperchio, abbassate la fiamma e cuocete per circa 20 minuti fino a quando non sarà tenero (se necessario aggiungete qualche mestolo di acqua bollente).

Lessate gli strozzapreti in acqua bollente salata. Scolateli al dente e aggiungeteli al condimento, mescolando a fiamma vivace. Aggiungete il parmigiano grattugiato.

Servite subito gli strozzapreti con cavolo nero e pancetta.

Lo sapevate che...

Secondo alcune antiche credenze, per nulla smentite ancora oggi, il cavolo nero è uno di quegli ortaggi che migliora con il freddo! Sembra, infatti, che se non resta per qualche tempo sepolto dal gelo e dalle temperature rigide, le sue foglie non diventano tenere e gustose.