FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La raccolta fondi #UNABIRRAPERDOMANI ha totalizzato la cifra di 500.000 euro

Nastro Azzurro insieme agli italiani, a supporto di bar locali e ristoranti, ha ottenuto un importante traguardo per ripartire in sicurezza

Nastro Azzurro, la birra premium italiana più bevuta al mondo, sostiene la ripartenza delle piccole e medie imprese italiane della ristorazione, donando 500.000 euro: un fondo straordinario, raccolto grazie anche al contributo di tanti italiani che hanno aderito all’iniziativa attraverso la piattaforma Nastro Azzurro Crowd su eppela.com.

Al lancio della piattaforma di crowdfunding, lo scorso 26 marzo, Nastro Azzurro ha versato un contributo iniziale di 250.000 euro, andando poi a raddoppiare le donazioni delle persone, fino a raggiungere l’obiettivo di 500.000 euro, che saranno devoluti alla FIPE per l’acquisto di una fornitura straordinaria dei dispositivi di sicurezza individuali (DPI) necessari a garantire la sicurezza dei lavoratori e dei clienti nei singoli spazi commerciali.

 

Alla campagna hanno aderito nel periodo centinaia di sostenitori tra i quali anche influencer e personalità di spicco del mondo dello spettacolo e del panorama musicale, per rendere “virale” la solidarietà e il piacere di brindare insieme con una birra in mano… virtualmente e a distanza! Anche il celebre pizzaiolo Gino Sorbillo, testimonial d’eccezione Nastro Azzurro, si è fatto portavoce di un messaggio di positività e speranza legata al momento della ri-apertura di locali e pizzerie.

 

Francesca Bandelli, Marketing & Innovation Director Birra Peroni ha dichiarato:

 

Nastro Azzurro è da sempre a fianco di chi guarda al futuro con creatività e positività, di chi non si ferma, ma anzi continua a seguire la propria strada e di fronte alle difficoltà si reinventa e promuove nuove idee. Siamo molto felici che moltissimi italiani hanno aderito alla nostra campagna di crowdfunding contribuendo alla ripresa di un settore davvero importante per tutti, e spero che questa campagna sia anche uno stimolo verso i ristoratori e gestori a non mollare proprio adesso.”

 

 

A partire da giovedì 14 Maggio sarà possibile candidarsi per ricevere i KIT con i dispositivi di sicurezza individuali. Sono stati messi a disposizione in totale 250 KIT, che saranno assegnati a 250 imprese associate gestite da giovani imprenditori italiani (il rappresentante legale non deve aver compiuto 39 anni al momento della richiesta).

 

La selezione delle imprese avverrà sulla base dell'ordine cronologico di registrazione al link https://forms.gle/ZwLtJCFEum1h1URu8

 

 

Siamo grati a Nastro Azzurro per l’importante iniziativa a supporto del nostro settore, certamente tra i più colpiti da questa grave emergenza sanitaria - dichiara Matteo Musacci, Presidente Gruppo Giovani FIPE - Questa raccolta fondi a sostegno delle nostre imprese è un aiuto concreto per ripartire e, allo stesso tempo un segnale di grande fiducia per il futuro. Proprio guardando al futuro, abbiamo deciso di destinare i KIT di dispositivi di sicurezza individuale agli imprenditori più giovani, entro i 39 anni, per supportare chi magari ha iniziato da poco e si è trovato ad affrontare una situazione difficilissima e certamente senza precedenti”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali