"L'orto è democratico, il menu lo fa lui"