FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Troppi cervi": a Belluno si apre la caccia tra le proteste degli animalisti

Lʼabbattimento nei prossimi mesi di 3mila esemplari è stato deciso per salvaguare lʼagricoltura

"Non saranno risparmiati né femmine né cuccioli". Sulla testa del cervo veneto pende l'ordinanza di abbattimento. "Sono troppi e troppi sono i danni all'agricoltura": da qui l'ordinanza della Provincia di Belluno sul "riequilibrio", che prevede l'uccisione di circa 3mila esemplari nei prossimi mesi. Così, a fine agosto è stata anticipata l'apertura della stagione della caccia, nonostante le proteste degli animalisti.

I numeri - La decisione della Provincia di Belluno prevede, dunque, l'abbattimento di 3.234 cervi, nel tentativo di frenare una proliferazione che ha portato la popolazione complessiva di ungulati a circa 40mila esemplari.
 

Nel mirino dei cacciatori anche caprioli, camosci, mufloni e cinghiali. Si prevede che finiranno nei menu di baite e ristoranti delle Dolomiti bellunesi accanto alla polenta.

Robin Hood contro i cinghiali - Sul piede di guerra gli animalisti. Nel Parco regionale dei Colli euganei si cerca Robin Hood per la caccia al cinghiale: pubblicato un bando per l'arruolamento di 15 arcieri.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali