FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sos della Lega Anti Vivisezione: in Italia 80mila gatti e 50mila cani randagi

A Montecitorio lʼassociazione e i sindacati dei pensionati hanno presentato "Questa è una vecchia amicizia", iniziativa per promuovere lʼadozione

Sos della Lega Anti Vivisezione: in Italia 80mila gatti e 50mila cani randagi

Il randagismo è un problema serio in Italia: sono, infatti, circa 80mila i gatti e 50mila i cani senza padroni. Per loro è alta la probabilità di morire di stenti o incidenti. L'allarme è della Lav (Lega Anti Vivisezione), che lancia la campagna "Questa è una vecchia amicizia", in collaborazione con i sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil e presentata a Montecitorio alla presidente Laura Boldrini. Lo scopo è promuovere l'adozione.

L'incontro con Laura Boldrini"È una iniziativa importante - ha detto la Boldrini - una campagna di civiltà che restituisce dignità agli animali ma anche alle persone anziane e che dovrebbe avere il sostegno di tutte le istituzioni". Per la Lav, che ha portato a modello Stella e Fiocco, due cani in età non più giovanissima salvati dal rifugio Parrelli di Roma, "l'adozione di un cane o gatto adulto fa bene a tutti! È un' iniziativa virtuosa perché, oltre a offrire accoglienza a tanti animali, fa bene a chi adotta e anche alla società".

La situazione nei canili e gattiliI dati peggiorano ulteriormente se si parla di canili e gattili: sono 130 mila gli animali che rischiano di trascorrere tutta la vita da reclusi. L'adozione dei quattro zampe risulta, dunque, l'unica soluzione per salvarli dalla strada e per regalare loro il calore e l'affetto di una famiglia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali