FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ragusa, bambini tagliano le orecchie a un cane randagio: è vivo per miracolo 

Identificati i responsabili grazie a un passante che ha assistito all'accaduto: hanno tra i nove e i dieci anni. Il cucciolo ora sta bene: "E' stato coraggioso - dicono i medici - lo abbiamo chiamato Leone" 

Facebook

Tagliare le orecchie ai cani randagi, magari come passatempo. E' quanto accaduto ad Acate, nel Ragusano, dove un gruppetto di bambini è stato sorpreso a mutilare un cucciolo, probabilmente per gioco: solo grazie all'intervento tempestivo di un passante l'animale è stato salvato in extremis e i responsabili sono stati identificati. Tutti minorenni, tutti tra i nove e i dieci anni.  

I bambini, secondo la ricostruzione del quotidiano locale Ragusa Oggi,  mentre giocavano in strada, in un quartiere popolare di Acate, hanno preso di mira una cucciolata di randagi e, armati di coltelli e forbici, si sono fatti avanti. L'obiettivo era tagliare le orecchie dei piccoli e, almeno con uno, ci sono riusciti.

 

Fortunatamente un ragazzo che passava di lì in quel preciso momento si è accorto dell'accaduto e ha subito chiamato i soccorsi: il cucciolo mutilato viene portato immediatamente dal veterinario, mentre i bambini vengono identificati. Ora è salvo: "È stato coraggioso -  hanno fatto sapere i medici -  tanto coraggioso che è stato ribattezzato Leone".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali