FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il cavallo Oliver non ce lʼha fatta: crollato e morto per la fatica e il caldo

Il quadrupede era "impegnato" a Messina nel cosiddetto galoppo turistico con i tipici carretti siciliani

Il cavallo Oliver non ce l'ha fatta: crollato e morto per la fatica e il caldo

Non ce l'ha fatta Oliver. Il cavallo che, ogni giorno a Messina, era impegnato nel galoppo turistico con i tipici carretti siciliani, è morto, probabilmente per il troppo caldo o per la fatica. Il protagonista principale delle foto ricordo dei vacanzieri, il simbolo della città siciliana si è accasciato a terra dopo aver svolto ancora una volta, per l'ultima volta, il suo compito che tanta gioia portava ad adulti e piccini.

Inutili i soccorsi dell'Azienda sanitaria provinciale e del Dipartimento di Veterinaria dell’Università di Messina. Inizialmente non si pensava che Oliver fosse in pericolo di vita, anzi, sembrava che dopo il malore le sue condizioni stessero migliorando. Poi, il tragico epilogo: il cavallo era giunto alla sua ultima corsa. E, come spesso accade, le disgrazie diventano l'occasione (purtroppo troppo tardi) per riflettere. Si rincorrono le ipotesi ma, se vogliamo, anche le certezze: perchè per far morire un cavallo in quel modo evidentemente di fatiche ne deve aver fatte molte.

"Le carrozzelle trainate dai cavalli vengono usate per il divertimento di turisti poco accorti che non si sono mai domandati cosa si nasconda dietro questa pratica - spiega Alessandra Parrinelli, commissario della sezione provinciale di Messina dell’Enpa, alla "Gazzetta del Sud" - un divertimento anacronistico che comporta enorme sofferenza per i cavalli, costretti a portare un carico che supera gli 800 chili, sotto il sole cocente in estate ed esposti alla pioggia e al freddo in inverno, in mezzo al traffico e ai rumori assordanti che li spaventano. Spesso svengono per la stanchezza o si feriscono perché i loro zoccoli non sono fatti per calpestare l’asfalto cittadino. Tutto questo nel 2017 è inammissibile».

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali