FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il TAS esclude la Russia dalle Paralimpiadi, Mosca attacca: "Sentenza politica"

Il Comitato Paralimpico russo ricorrerà alla Corte Suprema svizzera, ma gli atleti russi sono fuori dai Giochi

Il TAS esclude la Russia dalle Paralimpiadi, Mosca attacca: "Sentenza politica"

Il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna ha respinto il ricorso presentato dal Comitato Paralimpico russo (CPR) contro l'esclusione dei suoi atleti dalle Paralimpiadi di Rio 2016. Il Comitato Paralimpico Internazionale si è detto "soddisfatto" della sentenza e ora procederà alla ridistribuzione dei 267 posti assegnati ai russi, mentre il legale del CPR, Alexei Karpenko, ha annunciato ricorso alla Corte Suprema svizzera. Dura la reazione del governo di Mosca.

Per il Ministro dello Sport russo Vitali Mutko la sentenza è "non legale ma politica". "Siamo molto delusi da questa sentenza, eravamo sicuri che agli atleti russi sarebbe stato permesso gareggiare anche nel caso in cui il CPR fosse stato squalificato", ha detto l'avvocato del Comitato Paralimpico russo, Karpenko, per il quale "ora si configura un caso di violazione di diritti umani e presenteremo appello alla Corte Suprema. Il procedimento però prenderà 1 o 2 anni e quindi i paralimpici russi non potranno competere ai Giochi 2016".

L'esclusione degli atleti paralimpici russi dai Giochi di Rio "è un colpo a tutti i disabili" ed è motivato "dal desiderio di alcuni alti funzionari del movimento paralimpico di eliminare forti avversari", ha detto il premier russo Dmitri Medvedev, commentando la decisione del Tas. Le Paralimpiadi di Rio sono in programma dal 7 al 18 settembre in Brasile.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali