FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Scuole multi-etniche, in 10 anni raddoppiati gli alunni stranieri

Circa il 10% della popolazione studentesca attuale proviene da un altro Paese, ma la sua distribuzione è varia: in Lombardia il numero maggiore

Scuole multi-etniche, in 10 anni raddoppiati gli alunni stranieri

Ha fatto scalpore la notizia di una mamma di Modena che ha dovuto ritirare da scuola la figlia "discriminata dai suoi 18 compagni di classe, tutti stranieri, perché diversa da loro". Probabilmente è un caso estremo ma certifica un fatto: al giorno d’oggi è molto probabile che il compagno di banco sia un alunno le cui radici affondano in altre latitudini. Anche se, in molti casi, quello che ci siede a fianco è straniero solo per lo Stato. Se, dunque, gli ultimi 10-20 anni hanno visto il boom dei flussi migratori, con persone di tutte le etnie e nazionalità che si sono stabilite in Italia e hanno messo su famiglia, è naturale che si sia modificato pure il volto delle nostre classi. Ecco l'analisi del sito Skuola.net.

Stranieri a scuola, in dieci anni sono raddoppiati
Nell’anno scolastico 2015/2016 – secondo il focus del ministero dell'Istruzione - sono stati quasi 815mila i ragazzi stranieri che hanno frequentato le scuole nel nostro Paese. Alunni e alunne con cittadinanza non italiana che, ormai, rappresentano circa un decimo della popolazione studentesca: sono il 9,2% del totale, quasi 1 su 10. Una crescita esponenziale la loro, solo dieci anni fa erano circa la metà: nell’anno scolastico 2005/2006 erano 431mila e rappresentavano appena il 4,8% di tutti gli studenti.

‘Seconde generazioni’ in crescita: 6 studenti stranieri su 10 sono nati in Italia
Ma l’impennata è iniziata molto prima, grosso modo all’inizio del nuovo millennio: nel 1995/1996 solo 50mila studenti – appena l’1% del totale – sedevano nelle nostre classi; cinque anni dopo erano già il triplo. Un dato che ha continuato a crescere per tutto il decennio successivo, fino a stabilizzarsi negli ultimi tempi (dal 2013/2013 le cifre sono pressoché immutate). Ma, come accennato, proprio tutti stranieri non sono: il 60%, infatti, è nato in Italia (nel 2015 erano appena il 5%). Quanto basta per chiamare in ballo per l’ennesima volta il dibattito sullo Ius soli (che riconoscerebbe la cittadinanza per il solo fatto di essere nato in uno Stato).

In alcune scuole gli studenti ‘non italiani’ superano un terzo degli alunni
Ma la geografia degli ‘stranieri a scuola’ non è omogenea. Il 20% delle scuole, ad esempio, non ha nessun alunno straniero, la maggioranza – il 59% - ha invece una percentuale di ‘non italiani’ più o meno in linea con la media generale (fino al 15%). Nel 15,5% dei casi la quota si attesta tra il 15% e il 30% di presenza straniera. Ma nel 5,5% delle scuole i ‘non italiani’ superano il 30% della classe. Sono soprattutto quegli istituti che si trovano nelle città col maggior numero di stranieri.

In Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Lazio la presenza maggiore
Perché molto dipende dalla zona d’Italia. Scontato il predominio della Lombardia, dove ci sono ben 204mila studenti di tante nazionalità diverse (sono il 25% degli 815mila, un quarto): qui quasi 1 studente su 7 è straniero. Seguono Emilia-Romagna (96mila, circa 12%), Veneto (92mila, quasi il 7%) e Lazio (77mila alunni stranieri, il 10% del totale). Tra le città, spiccano Milano (10,1% di studenti stranieri), Roma (7,5%) e Torino (4,7%). E le cose cambiano ulteriormente se analizziamo i numeri in rapporto alla popolazione studentesca generale. In questo caso domina Prato, dove la forte presenza soprattutto cinese fa schizzare il dato: quasi 1 alunno su 4 è straniero (il 23%). A Piacenza e Mantova circa 1 su 5, rispettivamente il 21% e il 18%.

Le nazioni di provenienza: spiccano Romania, Albania e Marocco
Le nazioni più rappresentate? Il podio è composto da Romania (quasi 158mila alunni, il 20% della componente studentesca straniera; numeri triplicati nell’ultimo decennio), Albania (111mila, 14%) e Marocco (102mila, 12%). Folta la presenza anche di cinesi (raddoppiati rispetto al 2005: sono 45mila, il 5%), filippini (26mila, 3,2%), indiani e moldavi (25mila, 3%). In generale, dieci nazionalità – alla top ten vanno aggiunte Ucraina, Pakistan e Tunisia - assorbono il 70% degli studenti stranieri.

Integrazione totale? Facile solo in teoria
Ma, tornando, allo spunto iniziale il problema non è la consistenza numerica. È una questione di atteggiamento. Complessivamente, il rapporto tra italiani e stranieri tra i banchi di scuola è tutto sommato buono. Secondo un sondaggio di Skuola.net, quasi la totalità dei nostri ragazzi non vede la diversa nazionalità come un problema: per il 65% il colore di pelle o le tradizioni differenti non influenzano il giudizio, per un altro 30% i fattori etnico-culturale si fanno sentire ma sono lo stesso ininfluenti, solo il 5% è diffidente. Più complicata, però, è un’integrazione ‘reale’. Oltre la metà degli studenti svolge i compiti in casa di un compagno straniero senza problemi. Ma 1 su 3 ha poca confidenza con i ‘non italiani ‘ presenti in classe. In 1 caso su 10 sono addirittura i genitori ad opporsi alla frequentazione. Numeri simili se la osserviamo dal punto di vista degli stranieri: solo 1 su 4 cerca di fare gruppo solo con altri stranieri.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali