FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Influenza in arrivo, in Australia "record" di contagi: "A metà ottobre il periodo migliore per vaccinarsi"

Al via la campagna di immunizzazione, gli anziani più esposti alla malattia

Influenza in arrivo, in Australia "record" di contagi: "A metà ottobre il periodo migliore per vaccinarsi"

L’infuenza sta per arrivare in Italia. Il ministero della Salute ha già predisposto un piano di vaccinazione adeguato ai nuovi ceppi virali isolati nell’emisfero meridionale, dove si è registrata una crescita del numero di persone colpite rispetto alla stagione invernale precedente. Il vaccino è particolamente raccomandato agli anziani e deve essere somministrato tra la metà di ottobre e la fine di dicembre.

Influenza "super" nell’emisfero sud - In Australia, tra la fine di luglio e l'inizio di agosto, l’influenza ha raggiunto in anticipo il picco epidemico colpendo con sindromi simil-influenzali un numero di persone molto più elevato rispetto agli anni passati. Le malattie respiratorie sono state numericamente e significativamente frequenti nei giovani adulti e nei pazienti anziani, con un aumento importante dei ricoveri per polmonite nei soggetti di età superiore ai 65 anni.

In arrivo il nuovo vaccino - Secondo le raccomandazioni diramate dal Ministero della Salute, quest’anno la vaccinazione dovrebbe essere eseguita da metà ottobre a fine dicembre. Il vaccino è offerto a tutti i soggetti che desiderano evitare la malattia influenzale e che non abbiano specifiche controindicazioni, ma è fortemente raccomandato ai gruppi a rischio. La composizione dei vaccini è aggiornata ogni anno e dipende dagli ultimi ceppi virali isolati durante la stagione precedente e da quelli virali individuati nell’emisfero meridionale.

L’importanza della prevenzione - "Tutte le autorità di sanità pubblica nazionali ed internazionali ogni anno sottolineano che la vaccinazione antinfluenzale rappresenta il mezzo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze", spiega Pierangelo Clerici, Presidente dell’Associazione Microbiologi Italiani. "In presenza di una buona corrispondenza fra la composizione del vaccino e i virus influenzali circolanti – continua l’esperto - l’efficacia stimata in adulti sani è del 70-90%".

Anziani a rischio - Si stima che in Italia l’influenza stagionale causi circa 8.000 decessi all’anno e l’84% di questi riguardi persone di età pari o superiore ai 65 anni. Nella scorsa stagione invernale (2016-2017) sono stati segnalati 162 casi gravi di influenza, 68 dei quali hanno portato alla morte del paziente. L’età mediana dei casi gravi è stata di 73 anni, comprendendo sia i neonati sia gli ultranovantenni. I decessi invece hanno riguardato principalmente soggetti anziani che presentavano almeno una patologia cronica preesistente (malattie cardiovascolari e respiratorie croniche, diabete ed obesità) per i quali la vaccinazione antinfluenzale è sempre raccomandata.

Chi si vaccina "batte" i virus - "E’ importante, quindi, sottoporsi alla profilassi nei tempi corretti e con il giusto vaccino - sottolinea Pierangelo Clerici – perché questo è il modo migliore per prevenire e combattere i virus influenzali, aumenta notevolmente la probabilità di non contrarli e perché, in caso di infezione, i sintomi sono molto meno gravi e, generalmente, non seguiti da complicanze".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali