FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Salvini: "Al lavoro sui rom in Italia, faremo un censimento"

Il ministro: "Occorre una ricognizione per vedere chi, come e quanti sono". Ma lʼAssociazione: "Eʼ vietato per legge". La comunità ebraica: "Si rievocano leggi razziali". I Casamonica: "Noi siamo italiani"

Salvini: "Al lavoro sui rom in Italia, faremo un censimento"

"Al ministero mi sto facendo preparare un dossier sulla questione rom in Italia". Lo annuncia Matteo Salvini spiegando che "dopo Maroni non è stato fatto più nulla ed è il caos. Occorre una ricognizione per vedere chi, come, quanti sono, rifacendo quindi il censimento. Facciamo un'anagrafe, una fotografia della situazione". Aggiunge poi che, se gli stranieri irregolari andranno "espulsi, i rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa".

Immediata la risposta dell'Associazione rom e sinti. "Il ministro dell'Interno sembra non sapere che in Italia un censimento su base etnica non è consentito dalla legge", dice il presidente Carlo Stasolla. "Inoltre esistono gia' dati e numeri su chi vive negli insediamenti formali e informali -continua Stasolla- e i pochi rom irregolari sono apolidi di fatto, quindi inespellibili. Ricordiamo anche che i rom italiani sono presenti nel nostro Paese dal almeno mezzo secolo e a volte sono 'più italiani' di tanti nostri concittadini".

"Dopo i migranti ecco la volta dei rom. C'era da aspettarselo", continua Stasolla. "Salvini menziona il suo collega di partito Maroni dimenticando che fu proprio lui a inaugurare nel 2008 la costosissima e fallimentare 'Emergenza Nomadi' che, oltre ad essere dichiarata illegittima dal Consiglio di Stato, creò l'humus sul quale nacque Mafia Capitale - prosegue - Invitiamo il ministro Salvini a perdere un po' di tempo dietro lo studio e l'analisi delle questioni".

Sulla questione interviene anche Noemi Di Segni, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane. "L'annuncio del ministro Salvini di un possibile censimento della popolazione rom in Italia - sottolinea in una nota - preoccupa e risveglia ricordi di leggi e misure razziste di appena 80 anni fa e tristemente sempre più dimenticate. Non c'è ricerca del consenso, non c'è ansia di ordine pubblico che giustifichi la proposta inquietante di enucleare specifiche categorie sociali di cittadini, di censirli e di sottoporli a speciali politiche di sicurezza solo a loro riservate".

Al ministro ha risposto anche Luciano Casamonica, esponente dell'omonima famiglia rom della Capitale: "Salvini può dire quello che vuole, ma noi Casamonica siamo italiani da 7 generazioni. Con due parole non può cambiare la vita delle persone. Io sono nato a Roma e mi sento romano. Lavoro e ho fatto cinema. I miei figli sono nati qui e il mio papà era abruzzese".

E dopo una giornata di polemiche, Salvini torna sul tema. Anzitutto per precisare che "non è nostra intenzione schedare o prendere le impronte digitali a nessuno. Il nostro obiettivo è una ricognizione della situazione dei campi rom. Intendiamo tutelare prima di tutto migliaia di bambini ai quali non è permesso frequentare la scuola regolarmente perché si preferisce introdurli alla delinquenza. E vogliamo anche controllare come vengono spesi i milioni di euro che arrivano dai fondi europei". E poi per replicare a Luciano Casamonica, sottolineando che le "minacce" e gli "inviti a rigare dritto" non lo spaventano ma gli danno "ancora più forza per riportare ordine, legalità e giustizia in Italia".

Di Maio: "Bene la smentita di Salvini" - Sulla questione interviene anche l'altro vicepremier, Luigi Di Maio, che si dice soddisfatto del fatto che "Salvini abbia smentito qualsiasi ipotesi di censimento registrazione o schedatura, se una cosa non è costituzionale non la si può fare". Di Maio aggiunge quindi che "lavoro da due settimane per problemi degli italiani che sono enormi e di cui ci dobbiamo occupare. Gli italiani sono la priorità, bene occuparsi di immigrazione ma prima occupiamoci dei tanti italiani che non possono mangiare".

Gentiloni: "Oggi i rom, domani le pistole" - Sul caso è intervenuto anche l'ex premier, Paolo Gentiloni. "Ieri i rifugiati, oggi i rom, domani le pistole per tutti. Quanto è faticoso essere cattivo", ha scritto su Twitter.

I rom in Italia: ecco tutti i numeri

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali