FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Furbetti del cartellino, ok del governo ai licenziamenti lampo

Dopo la battuta di arresto, dovuta alla sentenza della Consulta, il Consiglio dei ministri ha approvato i nuovi decreti del Madia bis

Furbetti del cartellino, ok del governo ai licenziamenti lampo

Via libera da Palazzo Chigi al decreto correttivo per rendere possibile il licenziamento lampo dei "furbetti del cartellino". La misura era contenuta nella riforma della Pubblica amministrazione a firma del ministro Marianna Madia, ma era stata stoppata dalla Consulta, che ha imposto di coordinare gli interventi con le Regioni. Corretto il testo, resta la sostanza: chi striscia il badge e poi va via per fare shopping o altro è licenziato.

Le nuove norme - Confermato l'iter accelerato per chi viene colto a strisciare il badge per poi andare a casa: sospensione in 48 ore e licenziamento in 30 giorni. Lievi modifiche toccano solo l'azione per danno d'immagine, a cui può essere chiamato a rispondere chi bara. Rispetto alla versione originale del testo vengono concessi dieci giorni in più per la denuncia e un mese in più per passare a incassare.

Tra le novità anche l'obbligo di comunicare l'avvio del procedimento all'Ispettorato della P.a che monitorerà l'andamento delle sanzioni tramite un'apposita banca dati. Restano salvi gli effetti fin qui prodotti dal provvedimento.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali