FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Buona Scuola, usciti in Gazzetta i bandi del concorso per docenti

I posti sono oltre 60mila. Da lunedì i candidati potranno inoltrare la domanda esclusivamente online. Nelle prossime settimane saranno rese note invece le date delle prove scritte

Buona Scuola, usciti in Gazzetta i bandi del concorso per docenti

Sono approdati in Gazzetta ufficiale (e pubblicati sul sito del Miur) i bandi del concorso per docenti previsto dalla Buona Scuola. Da lunedì, 29 febbraio, e fino al 30 marzo (termine ore 14) i candidati potranno inoltrare, esclusivamente online, la domanda. Nelle prossime settimane, con un avviso in Gazzetta Ufficiale previsto per il 12 aprile, saranno rese note le date delle prove scritte che si svolgeranno dalla fine del mese di aprile.

I posti a disposizione sono 63.712, di cui 57.611 comuni (relativi, cioè, alle varie discipline) e 6.101 di sostegno. Così divisi per grado di istruzione: Infanzia 7.237 (6.933 comuni e 304 di sostegno), Primaria 21.098 (17.299 comuni e 3.799 di sostegno), Secondaria di I grado 16.616 (15.641 comuni e 975 di sostegno), Secondaria di II grado 18.255 (17.232 comuni e 1.023 di sostegno).

A questi si aggiungono 506 posti, relativi a tutti i gradi di istruzione, che saranno banditi sulla nuova classe di concorso A023, quella relativa all'insegnamento dell'italiano per gli alunni stranieri. "Oggi segniamo un'altra tappa fondamentale dell'attuazione della Buona Scuola. Rimettere in moto la macchina dei concorsi era essenziale - ha dichiarato il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini - per dare certezza sui tempi delle selezioni a chi vuole entrare in modo stabile nella scuola. Si torna alla Costituzione: avremo un bando ogni tre anni, con cadenza regolare".

I bandi saranno tre, per infanzia e primaria, per la secondaria di I e II grado e per il sostegno, quest'ultimo del tutto inedito. E' confermata l'assenza della prova preselettiva. Si procederà dunque con lo scritto che si svolgerà interamente al computer e che prevede 8 domande sulla materia di insegnamento di cui 2 in lingua straniera (inglese, francese, tedesco o spagnolo, obbligatoriamente l'inglese per la primaria).

I quesiti saranno 6 a risposta aperta (di carattere metodologico e non nozionistico) e 2 (quelli in lingua) a risposta chiusa. Le due domande in lingua prevedono, in particolare, cinque sotto-quesiti, ciascuno a risposta chiusa. Il candidato dovrà dimostrare di avere un livello di competenza pari almeno al livello B2. Lo scritto avrà una durata di 150 minuti. Sono invece previsti 45 minuti per l'orale: 35 per una lezione simulata e 10 di interlocuzione fra candidato e commissione.

Per alcune classi di concorso ci saranno anche prove pratiche. Nella valutazione dei titoli si valorizzeranno, fra l'altro, i titoli abilitanti, il servizio pregresso, il dottorato di ricerca, le certificazioni linguistiche. Le domande potranno essere presentate accedendo al portale dedicato(http://www.istruzione.it/concorso_docenti/index.shtml).

Per aiuto e informazioni sulla compilazione da lunedì sarà disponibile un servizio di assistenza telefonica (al numero 080/9267603, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18). Il concorso è per docenti abilitati. Tutti i requisiti necessari per la partecipazione sono indicati sul sito dove è anche presente la documentazione utile per i candidati: dalla mappa dei posti disponibili, ai bandi, ai decreti sulle prove e i programmi d'esame. A partire dai prossimi giorni saranno poi rese disponibili alcune Faq.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali