FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Apple a Napoli, niente posti di lavoro: il centro formerà 600 studenti

Lʼentusiasmo di Renzi e lʼenfasi dei media avevano scatenato lʼeuforia dei programmatori italiani, che però dovranno ridimensionare le aspettative

Apple a Napoli, niente posti di lavoro: il centro formerà 600 studenti

Non saranno 600 posti di lavoro, ma altrettante opportunità di formazione per studenti quelle offerte da Apple nel suo nuovo centro di sviluppo app a Napoli. I toni trionfalistici di Matteo Renzi avevano mandato in fibrillazione i programmatori di tutta Italia: "Apple aprirà a Napoli una bella realtà di innovazione con circa 600 persone, i big tornano a investire al Sud", aveva detto il premier, annunciando la visita del Ceo Tim Cook nel nostro paese. Parole vaghe, che su giornali e sui social network si sono trasformate in men che non si dica un annuncio di assunzioni di massa da parte del colosso di Cupertino.

In realtà il comunicato della stessa azienda, pur sorvolando sui numeri, era stato abbastanza chiaro sul tipo di attività previste nel futuro centro, pensato per "fornire agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di app iOS per l'ecosistema di app più innovativo e vivace al mondo". Il polo high-tech, si leggeva ancora "sosterrà gli insegnanti e fornirà un indirizzo specialistico preparando migliaia di futuri sviluppatori a far parte della fiorente comunità di sviluppatori Apple".

Nulla ancora si sa delle procedure di selezione degli studenti che faranno richiesta, né tantomeno è assicurato che saranno assunti dalla multinazionale della mela morsicata una volta completato il programma di formazione. "È troppo poco, dobbiamo stare attenti a non illudere i giovani", dice il presidente del Consiglio nazionale per le ricerche Luigi Nicolais, che si sforza comunque di vedere il bicchiere mezzo pieno: "L'auspicio è che la nuova struttura di Apple funga da catalizzatore di relazioni e pungolo per l'evoluzione tecnologica, favorendo una crescita della dimensione media delle aziende del comparto".

Insomma, se è plausibile immaginare che i talenti informatici selezionati da Apple avranno una carta in più da giocarsi nel curriculum, per ora l'impatto positivo sull'economia della città tanto sbandierato dal presidente del Consiglio è tutto da ridimensionare. Passata l'euforia iniziale, i napoletani, e il resto d'Italia con loro, tornano con i piedi per terra.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali