FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

"Ho il diritto di non conoscere Jim Morrison": Gasparri risponde ai troll

Su Twitter aveva scambiato il cantante dei Doors per un rapinatore slavo: "Sono un politico, meglio sapere chi erano Giolitti o Croce"

"Ho il diritto di non conoscere Jim Morrison": Gasparri risponde ai troll

"Io rivendico il diritto di non sapere chi siano Jim Morrison e chi siano i Doors. Faccio il politico, è più importante che sappia chi sono Giolitti o Benedetto Croce". Il senatore Maurizio Gasparri non ci sta ad essere preso in giro per la "trollata" di cui è stato vittima su Twitter (ha scambiato il frontman dei Doors per un pregiudicato slavo) e affida la sua colorita replica a un'intervista in radio: "Ho guardato bene dei profili campione di alcuni che difendono questo Jim Morrison e sono un branco di drogati".

"Conosco Platone, Hegel, Beethoven", rivendica il senatore Pdl, non nuovo alle provocazioni sui social network: "Di questa "star" occupatevi voi". E quando gli si chiede come faccia a bollare i fan dei Doors come tossicodipendenti soltanto da una foto profilo, la risposta è secca: "Io mi batto contro la droga danni, le tipologie le riconosco. E poi questo cantante è morto di overdose, quindi di che stiamo parlando?".

Il vicepresidente azzurro del Senato è caduto nel tranello di un follower, che l'ha taggato postando una foto del celebre cantante, corredata da una scritta ironica: "Questo è Goran Hadzic, ha commesso più di 50 rapine nel nordest ma ogni volta che viene preso è rilasciato. Basta!!! Mandiamolo via!!! Renzi a casa!!!". "Vergogna", è stata la replica immediata dell'interpellato. Il tweet è stato poi rimosso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali