FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Strasburgo: Londra continui a tenere in vita il piccolo Charlie Gard

La Corte si è espressa a favore del ricorso dei genitori contro la decisione delle autorità del Regno Unito di spegnere la macchina che tiene in vita il neonato affetto da una rara malattia genetica

Strasburgo: Londra continui a tenere in vita il piccolo Charlie Gard

La Corte europea dei diritti umani ha ordinato a Londra di continuare a tenere in vita Charlie Gard, il neonato affetto da una rara malattia genetica, fino a quando non prenderà una decisione sul ricorso presentato dai genitori. "Alla luce delle circostanze eccezionali, la Corte ha già accordato la priorità al caso e procederà a valutare il ricorso con la massima urgenza", si legge in un comunicato ufficiale.

Il 13 giugno la Corte di Strasburgo, dopo aver ordinato temporaneamente e per la seconda volta a Londra di mantenere in vita Charlie Gard, aveva stabilito che i genitori del neonato avevano tempo fino alla mezzanotte di oggi, 19 giugno, per presentare il ricorso contro la decisione delle autorità del Regno Unito di sospendere la ventilazione artificiale del neonato e quindi "staccare la spina".

Ora, alla luce della presentazione del ricorso, la Corte ha invece deciso che Londra dovrà assicurare a Charlie i trattamenti e le cure "più appropriate" per mantenerlo in vita evitandogli per quanto possibile sofferenze e salvaguardandone la dignità. Questo fino a quando la stessa Corte non si pronuncerà in via definitiva sul ricorso presentato dai genitori del piccolo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali