FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Raid in Siria, Salvini: "Pazzesco, fermatevi" | Berlusconi: "Meglio tacere"

Ennesimo botta e risposta via social tra i leader della Lega e di Forza Italia, stavolta sullʼattacco missilistico contro Assad

"Stanno ancora cercando le "armi chimiche" di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno col grilletto facile insiste coi "missili intelligenti", aiutando peraltro i terroristi islamici quasi sconfitti. Pazzesco, fermatevi. #stopwar #stopisis". Questa la reazione del leader della Lega Matteo Salvini sulle sue pagine social alla notizia dei raid di Usa, Francia e Gran Bretagna su Damasco. "Meglio tacere", gli ha risposto a distanza Silvio Berlusconi. Sulle stesse posizioni di Salvini anche il leader laburista inglese Corbyn

Il commento di Berlusconi alle parole di Salvini"In queste situazioni è meglio non pensare e non dire nulla". Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha laconicamente commentato il commento di Matteo Salvini contro l'attacco missilistico sulla Siria ad opera di Usa, Francia e Regno Unito.

A Salvini la sponda di CorbinMa Matteo Salvini, nelle sue posizioni sull'attacco in Siria, non è isolato a livello internazionale. Jeremy Corbin, il leader del Partito Laburista inglese, che si è rifiutato di condannare Assad, ha invece condannato l'escalation di violenza in Siria, invitando alla cessazione dei raid. In questo modo si schiera apertamente contro la premier conservatrice e interventista Theresa May.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali